I vertici dell’AFTRA approvano il contratto per la prima serata, adesso il voto ai membri

I leaders dell’AFTRA hanno approvato l’accordo di massima per i programmi di prima serata, e adesso l’accordo è stato inviato ai membri che devono ratificarlo, ed il sindacato degli artisti di radio e tv, tanto per ribadire i buoni rapporti tra i due sindacati, si è rifiutato di posporre la ratifica a dopo che la SAG avrà concluso le sue trattative

da , il

    aftra

    I leaders dell’AFTRA hanno approvato l’accordo di massima per i programmi di prima serata, e adesso l’accordo è stato inviato ai membri che devono ratificarlo, ed il sindacato degli artisti di radio e tv, tanto per ribadire i buoni rapporti tra i due sindacati, si è rifiutato di posporre la ratifica a dopo che la SAG avrà concluso le sue trattative.

    Secondo la SAG (sindacato che non è ancora chiaro se chiederà ai suoi membri appartententi anche all’AFTRA di boicottare l’accordo), l’eventuale approvazione del contratto distrarrà il sindacato degli artisti di tv e cinema dal fare un accordo con le majors e gli studios: un’interpretazione che l’AFTRA rigetta, spiegando per bocca di Kim Roberts Hedgpeth e Roberta Reardon (controparti di Doug Allen e Alan Rosenberg) come la SAG abbia avuto ed abbia ancora tutto il tempo del mondo per raggiungere un accordo prima che l’AFTRA annunci il risultato del voto, previsto per il 7 luglio. Sempre secondo quanto reso noto dal sindacato degli artisti di radio e tv, il patto, che copre 10 programmi di prima serata, è stato definito “superiore” alle aspettative. Da parte loro, i leader della SAG hanno già fatto sapere che cercheranno di ottenere un contratto migliore per quanto riguarda i guadagni dai nuovi media, l’uso delle clip online e le cause di forza maggiore.