I Simpson sono salvi: trovato accordo tra Fox e i doppiatori

I Simpson sono salvi: trovato accordo tra Fox e i doppiatori, che avranno un taglio dello stipendio del 30% e niente utili su merchandising e syndication

da , il

    Simpson

    I Simpson non chiudono: la Fox ha annunciato poche ore fa il rinnovo della serie per altre due stagioni, che porteranno la famiglia di Springfield a festeggiare il quarto di secolo. A scongiurare l’addio alla serie cult dell’animazione Usa l’accordo tra la rete e i doppiatori del popolare cartoon, che dopo essere scesi nei giorni scorsi sul piede di guerra per il taglio del 45% al loro stipendio, hanno accettato di ridurre del 30% il loro attuale stipendio di 440.000 dollari ad episodio.

    I Simpson festeggeranno (almeno) i venticinque anni, e, prima ancora, i cinquecento episodi (nel febbraio 2012): il braccio di ferro tra il network e la squadra [Dan Castellaneta (Homer, Grampa Simpson, Krusty il Clown; e altri personaggi), Julie Kavner (Marge; e altri), Nancy Cartwright (Bart; e altri), Yeardley Smith (Lisa), Hank Azaria (Moe Szyslak, Chief Wiggum e Apu Nahasapeemapetilon) e Harry Shearer (Mr. Burns, Skinner, Ned Flanders; e altri)] che dà la voce alla famiglia più amata del mondo si è quindi concluso “a favore” dei doppiatori, che hanno minacciato di abbandonare la serie se il taglio dello stipendio chiesto – 45% – non fosse stato quello proposto da loro, meno 30%.

    Dopo due giorni di stallo, le trattative si sono chiuse nella notte italiana, precedute da una lettera in cui Harry Shearer sottolineava come i doppiatori erano pronti a tagliare il loro stipendio anche del 70%, in cambio però di una parte dei profitti sul merchandising dei Simpson e una parte dei guadagni che la rete prende grazie alla syndication (dicevamo nei giorni scorsi FOX potrebbe vendere gli episodi per 750 milioni di dollari i diritti degli episodi fino alla ventitreesima stagione). Purtroppo per i doppiatori, Fox e 20th Century Fox TV non avevano alcuna intenzione di dividere la torta con i protagonisti dello show, che subiranno un taglio di 132 mila dollari ad episodio.

    Con il rinnovo per altre due stagioni I Simpson raggiungeranno la cifra record di 559 episodi: la serie ha vinto 27 Emmy Awards, ha dato origine ad un film e a “Krustyland” (un parco a tema basato su Krusty il Clown) e al “The Simpsons Ride” agli Universal Studios; omaggiato qualche mese fa con una stella sulla Hollywood Walk of Fame, il cartoon è stato onorato anche con cinque francobolli (disegnati da Matt Groening) emessi dalle poste americane, e nominato “Miglior show del 20′ secolo” da Time Magazine.