I Simpson censurati in Svizzera a causa dell’allarme nucleare a Fukushima

I Simpson censurati in Svizzera a causa dell’allarme nucleare a Fukushima

Simpson censurati in Svizzera a causa dell'allarme nucleare post-terremoto della centrale di Fukushima

    homer simpson scappa dalla centrale

    Sono famosi per essere fra i cartoni animati più irriverenti della tv, anche se ultimamente si sono un po’ ammorbiditi, ma nessuno si aspettava che un canale televisivo svizzero potesse censurare i Simpson a causa dell’allarme nucleare collegato alla centrale di Fukushima. Ebbene sì, la televisione svizzero-tedesca Srf (acronimo di Schweizer Radio und Fernsehen) ha deciso di non trasmettere più le puntate di Simpson che trattano l’argomento sicurezza, una scelta che farà discutere i fan del cartone animato ideato proprio un anno dopo del disastro di Chernobyl da Matt Groening.

    La scena tipo è Homer, addetto alla sicurezza presso la centrale che viene svegliato dalla sirena d’allarme e clicca tasti a casaccio per far rientrare l’emergenza e proprio quando manca pochissimo alla fusione del nocciolo, grazie a una buona dose di fortuna riesce a far rientrare l’allarme. Per i dirigenti della tv Srf queste scene non si possono più vedere e vanno eliminate dagli episodi che verranno trasmessi dal canale della Svizzera tedesca. I fan si sono lamentati anche perché non vedono come la situazione della centrale di Fukushima possa incidere sulle puntate di uno show così amato scritte mesi, o anni prima dell’emergenza nucleare scoppiata all’indomani del terremoto in Giappone. Ecco come reagisce all’emergenza Homer mentre è al lavoro:

    homer simpson confuso

    Proprio quando (secondo alcuni) la nube radioattiva sta arrivando in Europa, secondo la rete Srf quelle immagini scherzose di topi fosforescenti, barre al plutonio usate come fermacarte e perdite risolte con un chewing gum potrebbero essere inopportuno vedere quelle immagini se dovesse scoppiare la centrale (!) o almeno così ha detto un portavoce del canale. Quanto ai tagli, ogni puntata del cartone animato verrà analizzata e si deciderà caso per caso, come ha anche sottolineato un portavoce del canale al quotidiano tedesco Faz: “Verrà deciso caso per caso. Se per esempio scoppiasse la centrale, sarebbe sicuramente inopportuno trasmettere la puntata“.

    Ma siamo certi che quello che l’epurazione delle scene da parte di Sfr sia giusta? Tutto sommato nessuno oggi assumerebbe un Homer Simpson, come addetto alla sicurezza di una centrale nucleare. Eppure, come si legge sul “Corriere della Sera” la storia della centrale nucleare capeggiata dal perfido Montgomery Burns e quella di Fukushima, la Tepco, non sono poi così diverse.

    Nel 2002 vennero falsificati i dati relativi alla sicurezza proprio della centrare di Fukushima, danneggiata e controllata dopo la scossa di terremoto di qualche settimana fa. Addirittura per questo caso il presidente della centrale si dimise e anche qualche anno dopo, nel 2006, i dati consegnati al governo nipponico erano falsi.

    Non solo, si parla anche dei morti sul lavoro e si è messa anche Wikileaks. Il sito di dispacci del giornalista australiano Julian Assange ha pubblicato un cablogramma in cui si legge chiaramente che “Tokyo era al corrente del rischio nucleare in caso di terremoto”. Come sempre la realtà ha superato la fantasia, anche se sei giallo, ti chiami Homer Simpson e ti addormenti mentre sei al lavoro in una centrale nucleare.

    622

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN In EvidenzaSimpsoncensura
     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE