I programmi tv più belli del 2013: quali sono i tuoi preferiti?

I programmi tv più belli del 2013: quali sono i tuoi preferiti?

I programmi più belli del 2013: quali sono i vostri preferiti? Televisionando vi invita a fare una personale "classifica" dei programmi a vostro avviso più belli del 2013

    Quali sono i programmi più belli del 2013? Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace. Forse. Se ti ritrovi a fare zapping compulsivo vuol dire che in tv non c’è nulla di interessante. Più raramente – può capitare – ci sono programmi comunemente e diversamente belli da seguire nella stessa serata! Per noi i programmi più belli sono quelli che soddisfano tre caratteristiche: hanno sbancato l’auditel, hanno saputo raccontare qualcosa di interessante, sono un piccolo o grande evento per le reti che li ospitano: dalle generaliste alle reti digitali e satellitari. E per voi? Dopo il salto, la classifica completa.

    Pechino Express, Tale e quale show e Avanti un altro

    Pechino Express, Tale e quale show e Avanti un altro meritano il podio; tre programmi totalmente diversi. La conduzione di Paolo Bonolis e Carlo Conti è più goliardica rispetto a quella di Costantino Della Gherardesca a Pechino Express 2, vera rivoluzione al timone del programma. L’altra questione che, in fondo, li lega: questi tre programmi sono stati graditi dal pubblico che ha premiato tutti e tre i format con gli ascolti e l’interazione sui social network (Pechino Express è stato trend topic su Twitter anche quando non andò in onda per non sovrapporsi allo show musicale concorrente).

    L’altra similitudine è nei personaggi proposti; Bonolis predilige “tipi” fissi, quasi teatrali, da portare in scena nel mini-mondo di Canale5 (L’uomo talent o L’avvocato del diavolo), Carlo Conti invece decide di riproporre i suoi amici-concorrenti “tale e quale” ai famosi nazionali ed internazionali, con effetti sorpresa irriverenti (Amadeus che imita “choc” Amanda Lear e Pierò Pelù nell’interpretazione di Fabrizio Frizzi).

    Dal canto suo, Pechino Express 2 ci ha regalato quest’anno un personaggio che sta spopolando, almeno nella tv pubblica: la Marchesa, nobile, Daniela Del Secco d’Aragona, impantanata nella tv pubblica salottiera, come quella delle altre reti.

    X Factor, Italia’s Got Talent e The Voice
    of Italy

    La tripletta “talent” di successo è rappresentata da Italia’s Got Talent, X Factor e The Voice. Prodotti innovativi per il mercato musicale e televisivo, il genere talent è ancora oggi la più importante garanzia dei palinsesti televisivi nostrani: la corazzata Maria-De Filippi, Gerry Scotti, Rudy Zerbi da un lato, dall’altro Morgan, Simona Ventura, Elio e il mitico Mika, dall’altro ancora Raffaella Carrà, Pierò Pelù, Riccardo Cocciante (nella nuova edizione non ci sarà) e Noemi, “figlia” dello stesso genere televisivo e affermatasi anche grazie al talent come cantante.

    Quindi, la vittoria di Michele Bravi “segnato”, come Giusy Ferreri, dalla firma della musica italiana di Tiziano Ferro, nel primo singolo del vincitore La vita e la felicità.

    Hanno in comune due aspetti, soprattutto Igt e X Factor: l’attenzione stacanovista al dettaglio televisivo, al “contorno” che contribuisce a costruire un piatto prelibato da offrire, con garbo, al telespettatore; l’altra caratteristica è la varietà con cui entrambi i programmi si confrontano con i concorrenti: la varietà, nel primo caso i concorrenti si alternano in generi diversi di esibizioni, spesso spettacolari, dall’altro vario e spettacolare diventano le voci, tutte differenti, dei protagonisti dell’Arena musicale. Rispetto a ciò che abbiamo visto nella prima edizione, The Voice ha un grande potenziale che, lo speriamo, verrà aumentato grazie alla sostituzione alla conduzione di Fabio Troiano, troppo legnoso per il genere televisivo in questione.

    Le Iene, Tiki Taka e Sconosciuti

    Nel primo caso, Le Iene, si tratta di una conferma di successo con al timone Ilary Blasi e Teo Mammuccari. A Le Iene va dato il merito di affrontare argomenti spesso altrove mai trattati in quanto ricchi di ipocrisia e di tabù. Gli inviati sono molto bravi: è il caso di Nadia Toffa che non intellettualizza mai e va sempre al cuore del problema, proponendo possibili risoluzioni pratiche. Per altri invece c’è voglia, non sempre ma a volte capita, di fare facile scandalismo.

    Tiki Taka, sulla stessa rete ma in seconda serata è il vero e proprio erede dello storico Controcampo: ha ottenuto ascolti a volte superiore persino a Matrix, che invece continua ad esistere con Luca Telese su Canale5, risultando frizzante, piacevole e con al centro lo sport e i personaggi sportivi del momento.

    Menzione “speciale” va riconosciuta anche a Il Testimone di Pif. La “risposta” di Rai3 verso l’access prime time della terze reta del servizio pubblico è stato Sconosciuti, storie di “magico ordinario” che hanno saputo riportare “la normalità” e l’autenticità del racconto in televisione.

    Bake off e Masterchef

    Per noi l’avvento di Bake Off Italia su Real Time con Benedetta Parodi e Masterchef sono dei bellissimi programmi a cui, difficilmente, potremo rimpiazzare il gusto discutibile di alcuni format spuntati come i funghi, in verità molto simili, sulle reti concorrenti!

    Ecco il recap:

    1) Pechino Express
    2) Tale e quale show
    3) Avanti un altro

    4) X Factor
    5) Italia’s Got talent
    6) The Voice

    7) Le Iene
    8) Tiki Taka
    9) Sconosciuti

    10) Il Testimone
    11) Masterchef
    12) Bake off Italia

    E voi che ne pensate? Quali sono i vostri programmi preferiti del 2013? Lo scopriremo solo…”televisionando”!

    1099

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Programmi TV

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI