I Coniugi a Televisionando: ‘Pechino Express è un viaggio all’insegna della felicità e della follia’

I Coniugi a Televisionando: ‘Pechino Express è un viaggio all’insegna della felicità e della follia’

Televisionando intervista Francesco Sarcina e Clizia Incorvaia, eliminati nella puntata del 31 ottobre dell'adventure game di Rai 2

    I Coniugi, ultimi eliminati da Pechino Express nella puntata del 31 ottobre, si raccontano nell’intervista di Televisionando: progetti futuri, emozioni vissute e strategie di gioco che li hanno condotti fino all’ottava puntata dell’adventure game di Rai 2. L’eliminazione, avvenuta per scelta della coppia degli Innamorati, in realtà, è stata fortemente voluta da Clizia Incorvaia e Francesco Sarcina che hanno preferito dire addio al gioco lasciando agli altri la possibilità di correre verso la finale. Così, la coppia de I Coniugi, è ritornata alla vita reale con tantissimi progetti in serbo per il nuovo anno: Francesco Sarcina sta scrivendo il nuovo album, mentre Clizia Incorvaia si prepara per un ritorno – ancora top secret – in tv.

    Siete stati appena eliminati da Pechino Express per scelta degli Innamorati, coppia che avevate nominato nella prima puntata. Vi aspettavate questa ‘vendetta’ da parte di Lory Del Santo?
    Clizia – Assolutamente sì! Perché la vendetta è un piatto che va consumato freddo e Lory Del Santo lo sa bene. Me lo aspettavo che ci avrebbe eliminati e poi, a sua detta, eravamo una coppia molto forte per lei, al di là del fatto che a volte arrivavamo ultimi ma partivano come primi perché eravamo forti e grintosi. Eravamo uniti, coesi, energici, entusiasti e Lory lo sapeva perché mi ha sempre detto: ‘Sei una donna fortissima, meritate di vincere’. Sapevo che mi avrebbe eliminato perché mi reputava forte.
    Francesco – Certo! Non aspettavo altro, non vedevo l’ora di andare via. Otto puntate andavano più che bene anche perché le ultime due erano un gioco al massacro. Io volevo già andare via alla quinta, però capivo lei e la foga di fare. Le ultime puntate le abbiamo lasciate fare a chi, probabilmente, nella vita vuole fare questo. Massacrarsi per i reality? Io, sinceramente, non ne ho voglia. Il viaggio è stato bellissimo, un’esperienza incredibile, la produzione di Pechino è meravigliosa, superlativa, però, ad un certo punto, io ho anche una vita.

    Avreste meritato la finale? E con quali coppie concorrenti vi sarebbe piaciuto contendere la vittoria?
    Clizia – Noi non meritavamo la finale, ci siamo fatti eliminare apposta! In realtà siamo arrivati volutamente un’ora e mezzo dopo. Eravamo già felici così, avevamo fatto il nostro viaggio, avevamo donato esperienze vere alla gente. Il nostro obiettivo era raccontare un viaggio vero, senza maschere, senza recitare parti, senza fare i personaggi e, infatti, siamo stati in assoluto quelli che non l’hanno fatto. Volutamente abbiamo detto basta, ci mancavano troppo i nostri figli, eravamo in astinenza. È stato un mese, per una madre è tanto. Abbiamo detto: la nostra esperienza è andata bene, ce la siamo vissuta alla grande, abbiamo dato alla gente quello che dovevamo dare. Adesso ce ne andiamo in grande stile con Roberto Giacobbo che è stata una guida esemplare.
    Francesco – No, andava benissimo così! È stata la nostra tattica.

    La Rai vi ha etichettato come I Coniugi ma Clizia, in un post su Instagram, ha raccontato che avrebbe scelto un nome diverso: quale sarebbe stata l’alternativa?
    Clizia – Gli entusiasti.
    Francesco – I Vianellos perché sembriamo un po’ Casa Vianello. O I Miracolati, vedendo come ci è andata a Pechino: abbiamo rischiato tante volte, ogni volta speravo fosse quella buona per andare via e, invece, no!

    Raccontate Costantino della Gherardesca con tre aggettivi.
    Clizia – Sagace, pungente, provocatore.
    Francesco – Costantino è dipendente dall’arte, sottile, sagace.

    Prima di Pechino Express vi hanno proposto di partecipare ad altri reality?
    Clizia – Ero molto distante dal mondo reality tanto che non ho mai guardato L’Isola o il Grande Fratello, non so nemmeno chi ci sia o da quanti anni li facciano.

    Sono molto lontana da questo mondo, sono un essere libero e, quindi, essere psicanalizzata e studiata 24 ore su 24 come cane da laboratorio per me era tanto.
    Francesco – Sì, me lo hanno proposto più di una volta.

    Perché avete detto sì a Pechino Express?
    Clizia – Per la prima volta siamo andati un po’ contro quello che siamo e abbiamo accettato un programma così perché è l’unico reale, perché non viene veicolato come in altri reality. In più racconti un viaggio incredibile, quindi è anche un programma culturale, interessante, seguito da un pubblico molto alto.
    Francesco – Ho scelto Pechino Express perché mia moglie lo ha scelto. Lei ci teneva molto ad andare, io non ero molto dell’idea. Gli autori me lo avevano chiesto già anni prima, ma non ho mai accettato. Quest’anno Clizia ci teneva a farlo, io ero un po’ titubante e poi, alla fine, ci sono andato perché le faceva piacere. Ero titubante perché mettere alla mercé la propria relazione non è una cosa che mi faceva impazzire. In realtà, poi, facendo la trasmissione mi sono reso conto che ha dimostrato e ha fatto capire che le relazioni non sono una presa per i fondelli: non è finzione, non è fiction, non esiste il fatto di andare sempre d’amore e d’accordo per ottanta anni. Ci sono cose che vanno affrontate, ci sono momenti difficili, ma la cosa che fa una relazione è il fatto di superare questi momenti ed essere più forti di prima.

    Come definireste questa avventura a Pechino Express?
    Clizia – Il viaggio più bello della mia vita e che mai più potrò fare perché è un viaggio all’insegna della felicità e della follia. Un viaggio memorabile da vivere con lo spirito de I Goonies. Un viaggio all’insegna del ritrovamento della parte fanciullina di me, ma anche della forza. Un viaggio che mi ha cambiato tantissimo, mistico, ma al contempo mi ha insegnato ad essere più donna, più forte e più coesa a mio marito. Ci ha reso una coppia invincibile.
    Francesco – E’ stato un’avventura che è stato giusto fare perché ha portato tanto amore nella nostra famiglia.

    Chi vorresti che vincesse Pechino Express?
    Clizia – Mi auguro che lo vinca Tina Cipollari insieme a Simone Di Matteo: se lo meritano, hanno dato grandi prove di forza, di intelligenza e di entusiasmo.
    Francesco – Gli Emiliani che, però, sono stati eliminati.

    Quali sono i vostri progetti futuri dopo Pechino Express?
    Clizia – E’ un momento ottimo e stiamo cavalcando al meglio quest’onda. Io ho un blog, il Punto C, scrivo per le mamme e le non mamme fashion, sto lavorando tantissimo con le aziende e con la moda. Da gennaio ci saranno delle novità, probabilmente mi ritroverete sullo schermo ma non vi dico come. Mi ritroverete!
    Francesco – Sto scrivendo l’album nuovo con tante news. Sto inventando cose particolari per il video, per la realizzazione musicale e poi per il tour che ci sarà subito dopo. Chissà se il viaggio di Pechino non abbia influenzato il mio campo!

    1203

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI