I Comizi d’Amore di Santoro già sul web, dal 3 novembre anche su SkyTg 24

I Comizi d’Amore di Santoro già sul web, dal 3 novembre anche su SkyTg 24

I Comizi d'amore di Michele Santoro, al via giovedì 3 nove,bre, saranno trasmessi anche su Sky Tg24

    Michele Santoro ha dato ufficialmente il via al suo nuovo progetto tv multipiattaforma, Servizio Pubblico, che debutterà sul dtt, sul web e sul satellite con la trasmissione Comizi d’Amore, al via il prossimo 3 novembre. Inaugurato il sito web, Michele Santoro pubblica un video-appello per le sottoscrizioni e presenta il suo nuovo programma, annunciando che le puntate sarano trasmesse anche dal canale Eventi di SkyTg 24, (Sky, 504). Un bell’appoggio per Santoro, che ha già stretto accordi con numerose tv locali DTT free e che punta a un milione e mezzo di telespettatori. La macchina di Servizio Pubblico è già in moto: in alto l’appello di Santoro, di seguito un estratto della sua conferenza stampa.

    Michele Santoro sbarca su Sky: l’idea di una partnership con il monopolista satellitare era nell’aria e Santoro non ha esitato ad annunciare che il canale Eventi di SkyTg 24 ospiterà il suo Comizi d’Amore. Entusiasta dell’accordo anche il neo-direttore del canale all news di Sky, Sarah Varetto: “Siamo lieti di ospitare il nuovo programma di Michele Santoro sul nostro canale “Eventi” dedicato alla grande attualità in diretta. SkyTG 24 Eventi è il luogo in cui i nostri abbonati hanno l’opportunità di seguire live ed integralmente tutti gli avvenimenti di rilievo della cronaca italiana e internazionale, scelti per la loro rilevanza, secondo il principio della completezza e dell’imparzialità dell’informazione. Non è un caso, che in passato, SkyTG24 Eventi è stato il canale che ha già trasmesso i due speciali televisivi live realizzati da Santoro, Rai per una notte e Tutti in piedi. Siamo certi che con la decisione di ospitare anche Comizi d’amore interpretiamo al meglio la richiesta dei nostri abbonati di poter sempre scegliere in diretta tra tutti gli eventi che contribuiscono a costruire il dibattito politico e sociale nel paese“.

    Comizi d’Amore è primo programma tv a vedere la luce nel suo progetto di Servizio Pubblico che ha debuttato nei giorni scorsi anche sul web con l’apertura di un sito atto non solo a promuovere le nuove iniziative del Santoro multipiattaforma, ma anche a raccogliere le sottoscrizioni per far sì che il progetto abbia vita. L’operazione “10 euro di Tivvù” è già stata ribattezzata dai detrattori di Santoro “10 euro per un mattone” (dallo slogan di una celebre raccolta fondi promossa dalla Dash negli anni ’80 per un progetto di solidarietà in Africa) e con essa il giornalista spera di ottenere fondi sufficienti a sostenere le 25 puntate previste di Comizi d’Amore, al via – come annunciato già qualche giorno fa – giovedì 3 novembre alle 21.00.

    A proposito delle polemiche sulla reale durata del programma (25 puntate quelle annunciate finora, solo cinque/otto secondo Il Giornale), Santoro chiarisce che “la concessionaria di pubblicità ha siglato una accordo fino a dicembre il che non significa che andremo avanti solo fino a fine anno. Anzi. E’ chiaro che in questi ambiti la concessionaria deve fare le debite valutazioni“. Il punto sono, ovviamente, gli ascolti: “Sulla Rai è più facile perché il giorno dopo sai subito i numeri – precisa Santoro – ma per noi fare un milione e mezzo di telespettatori in questa situazione sarebbe un successo. Si tratta di un milione e mezzo di persone che alla fine ti vengono a cercare.

    Se tu dimostri che questa cosa sta in piedi anche economicamente ci si può cominciare a convincere che non è il canale a fare il programma ma viceversa: è il programma che fa il canale. E questo lo possono cominciare a capire anche i miei colleghi. D’altronde Rai per una notte è stata vista su You Tube da 800.000 persone in due giorni“.

    A proposito di web, lanciato il sito internet di serviziopubblico.it è facile immaginare che il programma potrebbe esservi trasmesso in diretta web. Comizi d’Amore, inoltre, sarà trasmesso anche da Sky.it e, stando alle indiscrezioni della prima ora, sulla nascente web tv de Il Fatto Quotidiano. Resta da capire se verrà diffuso free il codice embed, che potrebbe dare modo a tutte i siti web (compreso Televisionando) di trasmettere il programma, così come fu per Rai per una notte e Tutti in Piedi!…. staremo a vedere.

    La trasmissione, in ogni caso, sarà realizzata a Cinecittà: una scelta ben precisa da parte del giornalista che ha resistito alle proposte che arrivavano da Bologna per dimostrare che “in questa nuova formula il programma cresce e non il contrario“. Insomma, si va avanti e non indietro e a dimostrare la flessibilità e la libertà di cui può godere un progetto multipiattaforma, sciolto dai legacci dei palinsesti tradizionali e dalle logiche standard della produzione tv, sul sito serviziopubblico.it è già possibile seguire un primo estratto delle inchieste che la redazione di Santoro sta realizzando. Si parte con un’intervista esclusiva a Imane Fadil, testimone del processo Ruby in qualità di ‘ospite’ delle feste di Arcore. Le dedicheremo un post, quindi stay tuned. Nel frattempo vi proponiamo un estratto della conferenza stampa di Santoro a Padova per il lancio ‘veneto’ di Comizi d’Amore.

    Flash Required

    Flash is required to view this media.

    Download Here.

    990