I Cesaroni in onda stasera e domani, poi solo al giovedì. Scoppia il caso Carabinieri

I Cesaroni tornano stasera e domani su canale 5 accompagnati da Un Ciclone in Famiglia 4

da , il

    I Cesaroni in onda stasera e domani, poi solo al giovedì. Scoppia il caso Carabinieri

    Debutta questa sera su Canale 5 la formula “Risate in Famiglia“, ovvero la combinazione nel prime time di una puntata de I Cesaroni e di Un Ciclone in Famiglia 4, che verrà bissata domani sera. Per i fans de I Cesaroni in astinenza è una boccata d’aria, ma il doppio appuntamento settimanale durerà pochissimo. La prossima settimana le scombinate famiglie di Claudio Amendola e Massimo Boldi andranno in onda solo al giovedì. Canale 5 si candida così al premio “palinsesto schizofrenico” anche per il periodo di garanzia primaverile, anche a causa del flop di Carabinieri 7.

    Come anticipato tempo fa, da questa settimana Canale 5 lancia la formula “Risate in Famiglia“, una sorta di ciclo fictional con la quale la rete cerca di mascherare il traino de I Cesaroni nei confronti della debole, e più volte sospesa, Un Ciclone in Famiglia, giunta con fatica alla quarta edizione. Vedremo domani quali saranno i risultati dell’esperimento, destinato – al momento – ad accompagnare I Cesaroni fino alla loro ultima puntata.

    Per questa settimana il doppio appuntamento con le family-comedy targate Mediaset sarà ripetuto per due giorni di fila (oggi e domani appunto), ma già la prossima settimana il palinsesto è destinato a cambiare. L’accoppiata Cesaroni-Ciclone andrà in onda solo al giovedì, in controprogrammazione con Capri 2 su RaiUno, mentre il venerdì sarà affidato al cinema: per il 25 aprile Canale 5, infatti, ha programmato Ti Amo in Tutte le Lingue del Mondo, di Leonardo Pieraccioni, scelta comunque comedy in linea con il clima vacanziero che apre i lunghi weekend della Festa della Liberazione e del Primo Maggio.

    Per dopo ancora non è dato sapere e si ripete la situazione di incertezza e di confusione già vissuta al termine del periodo di garanzia autunnale e all’inizio del nuovo anno, con troppi programmi da sistemare nelle griglie di palinsesto e un gioco di spostamenti che ha destabilizzato i telespettatori. A favorire il balletto anche alcuni flop che hanno infestato la stagione di Canale 5: se ad inizio anno era stata La Sai l’Ultima a inquietare i sonni dei vertici Mediaset, ora il vuoto è stato lasciato da Carabinieri 7, sospeso dopo quattro puntate per bassi ascolti. In questi giorni sul nostro sito si è fatta sentire l’indignazione del pubblico affezionato alla serie, che ha visto nella decisione della Rete una sorta di “punizione” nei confronti di un programma giudicato piacevole, educato, familiare, lontano dal trash e dalla volgarità di molti altri titoli tv (a partire dai reality) che “infestano” i palinsesti nazionali. Capiamo il dispiacere dei fans, ma di certo alla base della decisione dei responsabili di palinsesti non c’è stato alcun intevento persecutorio nei confronti di un programma che essi stessi, per primi, hanno deciso di riproporre, con la realizzazione di una nuova serie da 28 episodi che, peraltro, comporta un investimento economico notevole. Ma proprio perché la tv resta un’azienda, se il prodotto è in perdita bisogna limitare al massimo i danni: da qui la decisione di riproporre il programma eventualmente fuori dal periodo di garanzia pubblicitario, quello che obbliga le emittenti a raggiungere determinate quote di audience. Sul perché poi l’audience non abbia premiato la settima serie di Carabinieri potremmo fare una serie di considerazioni, che sicuramente non troveranno d’accordo gli estimatori. In realtà il pubblico della serie si è progressivamente ridotto ad uno zoccolo duro di aficionados, ma non è più riuscito a conquistare nuove fasce di ascolto: la ripetitività è una delle caratteristiche del genere fictional, ma la reiterazione delle stesse situazioni, delle stesse emozioni, degli stessi caratteri non può che stancare in assenza di un’evoluzione. Persino Distretto di Polizia, serie cult per le prime 5 stagioni, ha perso appeal nel corso degli anni, vivendo nel 2007 la crisi del settimo anno.

    Ma in fin dei conti si tratta di considerazioni di carattere economico-industriale che poco hanno a che fare con le proteste giunte sul nostro sito in questi giorni, proteste di telespettatori amanti di un programma distensivo e per tutti di cui i nostri lettori sentono la mancanza. Per alcuni il gesto di Canale 5 è da ritenersi offensivo “per le molte persone che stanno a casa e per compagnia hanno solo la tv”, come scrive Anna Maria, per molti altri la decisione della rete è una vera e propria ingiustizia nei confronti di quanti avevano con la serie un appuntamento irrinunciabile, da seguire con il fidanzato e la sorella, come racconta Simonetta. La sensazione diffusa è quella della delusione per l’atteggiamento di Canale 5, con una sottilissima venatura di speranza per un ripensamento. E non sono pochi quelli che richiamano alla memoria l’analogo caso di Nati Ieri, anche quella sospesa per scarsi ascolti. Chissà che i vertici Mediaset non tornino sui propri passi di fronte alle tante accorate proteste.

    In ogni caso il martedì si è confermato, per caso e per oggettiva difficoltà, la serata no di Canale 5, visto che sia La Sai l’Ultima che Carabinieri andavano in onda in quel giorno. Colpa del fato o di una lettura sbagliata della rete che considera quella una giornata “residuale”? Tra un po’ al martedì dovrebbero arrivare I Liceali, attualmente in anteprima su Premium Gallery.

    Per martedì e mercoledì prossimi, invece, Canale 5 ha in serbo Romanzo Criminale, il film di Michele Placido con Kim Rossi Stuart, Riccardo Scamarcio, Stefano Accorsi, Claudio Santamaria, Pierfrancesco Favino, Jasmine Trinca, Anna Mouglalis (ovvero il meglio della giovane scuola attoriale italiana) vero fenomeno della stagione cinematografica del 2005. Di Romanzo Criminale è in produzione una trasposizione tv ad opera di Sky Cinema Italia, di cui vi abbiamo parlato qualche tempo fa.

    Per il momento la situazione della programmazione di Canale 5 è questa, ma non mancheremo di aggiornarvi qualora vi fossero nuovi spostamenti.