I Cesaroni 4 al via tra gli attacchi di Padania e Moige

I Cesaroni 4 al via tra gli attacchi di Padania e Moige

I Cesaroni 4 da stasera su Canale 5: ma contro la serie tv di Mediaset arrivano gli strali de La Padania e del Moige

da in Canale 5, Fiction italiane, I Cesaroni 6, Palinsesto Mediaset, Primo Piano, Serie Tv, i-cesaroni-4, Moige
Ultimo aggiornamento:

    Parte questa sera su Canale 5 la quarta stagione de I Cesaroni 4, ma la vigilia è stata ‘funestata’ dagli attacchi sferrati alla fiction Mediaset dal quotidiano leghista La Padania e dai giudizi del Moige. “Puntuali come le tasse tornano i Cesaronì” scrive La Padania, che giudica sostanzialmente ‘aliena’ dalla realtà italiana la famiglia Cesaroni: e non hanno torto, in fondo, visto che una famiglia così unita e poco prevenuta è difficile da trovare. Il Moige, invece, continua a ripetere che la serie tv non è adatta ai bambini: e dire che la produzione ha deciso di ritarare il formato, realizzando puntate da 70′ per evitare la messa in onda di sue episodi da 50′ e permettere ai più piccoli, appassionati fans, di andare a letto prima. In alto le immagini del corteo promozionale che ha visto tutto il cast riunito alla Garbatella martedì scorso.

    I Cesaroni non sono lo specchio di nessuno”: questo il secco giudizio espresso da La Padania nei confronti de I Cesaroni, che tornano questa sera su Canale 5 per la quarta stagione. Ma occhio, la Padania non intende criticare il Biscione, che continua a produrli nella “corretta ottica dell’industria televisiva” che mira agli ascolti, piuttosto stronca contenuti e ambientazioni della storia: “Alla quarta serie le enciclopediche puntate ricalcano il solito cliché dei buoni borgatari che tra un bianchetto dei Castelli e un amorazzo finito male, si barcamenano in un Paese dove il furbetto del quartierino vale sempre un pizzico in più degli altri” scrive la Padania che accusa la fiction di essere irreale. Ma va? E’ fiction! Ovvero letteratura, non si tratta di un’inchiesta sulla famiglia italiana…però poi programmi come Annozero non vanno bene, sono disfattisti e antiberlusconiani, vero?
    I problemi comuni a tutti sono molto ma molto lontani, forse sono solamente sfiorati. La disoccupazione che colpisce i giovani? Solo un fantasma che vaga sullo sfondo della vineria romana – spiega La Padania - La disperazione di molte famiglie erose dagli odi tra marito e moglie? Tutte rose e viole. Un giardino in cui gli amori svolazzanti si rincorrono senza drammi. Senza lacrime.

    Senza un reale pathos“.

    Ovviamente l’altro affondo riguarda l’eccessiva ‘romanità’ del tutto, uno degli ingredienti di maggior successo della serie: “Abbiamo cercato di trovare anche un solo vocabolo in lingua toscana nel trailer, ma è stato veramente difficile” nota la Padania. “In sé la cosa potrebbe anche non essere negativo nel rispetto della parlata di quella città – specifica poi il quotidiano – ma quello che stride è che si cerca di far passare quelle vicende per storie comuni. No, quella è una fiction, non rappresenta nessuno“. E siamo d’accordo almeno su una cosa, considerato che la tv non è, per definizione, specchio della realtà: non saremo i Cesaroni, ma probabilmente il pubblico vorrebbe ‘essere come loro’. Il che potrebbe essere ‘più pericoloso’ secondo il punto di vista della Padania…

    Al coro dei detrattori leghisti si aggiunge il Moige, che rinnova le sue riserve verso la serie tv di Canale 5, trovandosi d’accordo con la Padania nel definire I Cesaroni poco rappresentativi delle famiglie italiane: “Anche nelle edizioni passate la serie non era piaciuta alle famiglie a causa dell’estrema superficialità con cui sono sempre stati trattati argomenti seri come aborto, matrimonio, famiglia ed altre tematiche sociali” scrive in una nota il Movimento Genitori, preoccupato per quel che riserva la nuova stagione. “Non ci si aspettano, purtroppo, novità da questa serie che non rispecchia le famiglie e che di certo non è adatta al pubblico dei minori“. Beh, hanno ragione: tutti noi abbiamo un parroco come Don Matteo o un maresciallo come Rocca

    E mentre Claudio Amendola fa spallucce alle accuse giunte alla vigilia della prima puntata, i fans si preparano alla prima puntata, in onda questa sera alle 21.20 su Canale 5. Come ormai noto, Lucia lascerà la famiglia per accettare un incarico di direttore di museo a Venezia, mentre a insidiare Giulio arriva Olga (Barbara Tabita), la wedding planner incaricata di organizzare le notte di Cesare e Pamela. Ma Lucia tonerà nelle ultime puntate della quarta stagione, per restare.

    745

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Canale 5Fiction italianeI Cesaroni 6Palinsesto MediasetPrimo PianoSerie Tvi-cesaroni-4Moige