I 10 cartoni animati più belli di sempre

I 10 cartoni animati più belli di sempre

Ecco i 10 cartoni animati più belli di sempre: la scelta è stata durissima ed è ricaduta su serie cult che vanno da Holly e Benji a Dragon Ball, da Ken il Guerriero a Lady Oscar

    Quali sono i 10 cartoni animati più belli di sempre? Meglio le serie tv animate degli anni ’80 e ’90 o i cartoon del nuovo millennio? Certo i trentenni avranno nel cuore cartoni animati come Mila e Shiro o Ken il guerriero, mentre i ventenni anime come Dragon Ball, Pokémon o Naruto, serie che comunque grazie alle repliche sui numerosi canali dedicati ai bambini non sono del tutto sconosciute ai ragazzini di oggi che però magari preferiscono cartoon come Spongebob o Winx. Insomma indicare i 10 cartoni animati più belli di sempre senza far torto a nessuno è un’impresa a dir poco ardua, ancora di più pensare di stilare una classifica vera e propria dalla decima alla prima posizione, ma ci proveremo lo stesso promettendo di non essere troppo di parte puntando tutto sui mitici anni ‘80 essendo noi cresciuti a pane e Bim Bum Bam.

    Mila e Shiro

    Tra i 10 cartoni animati più belli di sempre c’è sicuramente l’anime Mila e Shiro due cuori nella pallavolo, arrivato su Italia 1 nel 1986. Protagonista Mila Hazuki, simpatica ragazza con la passione per il volley (capace di fare mille pensieri mentre sferra le sue potentissime schiacciate al grido di Attak) che con le amiche-rivali Nami e Kaori condivide il sogno di partecipare alle Olimpiadi di Seoul con la nazionale giapponese.

    Holly e Benji

    Tratto dalla serie di manga su Capitan Tsubasa, Holly e Benji ruota intorno a due fuoriclasse del calcio giovanile nipponico: l’attaccante Oliver Hutton e il portiere Benjamin Price. Quello che colpiva di più e che sicuramente tutti ricorderanno è che per andare da una porta all’altra, per assistere a una partita completa e persino per fare un gol ci voleva anche più di una puntata! Memorabili anche le acrobazie dei gemelli Derrick e la rivalità con Mark Landers.

    Ken Il Guerriero

    Trasmesso per la prima volta in Italia nel 1987 Ken Il Guerriero è diventato ben presto un cult e il successo dell’anime continua ancora oggi grazie alle numerose repliche. Protagonista delle due serie tv animate tratte dal manga (la prima da 109 episodi, la seconda da 43) è il temibile guerriero di arti marziali Kenshiro, legittimo successore della Divina Scuola di Hokuto capace di far esplodere l’avversario dall’interno colpendolo con una raffica di pugni e colpi segreti (tra cui la Trasmigrazione attraverso Satori). Una curiosità: l’aspetto di Ken nella prima serie prende ispirazione da Bruce Lee, nella seconda invece si rifà a Sylvester Stallone.

    Lady Oscar

    Creata da Riyoko Ikeda nel 1979, Lady Oscar è approdato in Italia nel 1982 e nel corso degli anni ha appassionato migliaia di giovani, anche di generazioni diverse. Ambientata nella Francia rivoluzionaria del 1789, la serie ruota intorno alla ‘rosa di Versailles’ Oscar François de Jarjayes, comandante della Guardia Reale educata sin da bambina come un uomo. Numerose le censure nei dialoghi e nelle sequenze video di cui fu vittima l’anime in Italia.

    Sailor Moon

    La saga di Sailor Moon è composta da cinque serie televisive e rappresenta uno dei maggiori successi su scala planetaria dell’animazione giapponese degli anni Novanta. Le guerriere Sailor (Moon, Mercury, Mars, Jupiter, Venus, Urano, Neptuno, Pluto, Saturn) hanno conquistato proprio tutti, bambini, adolescenti e adulti appassionati di anime, sin dalla loro prima apparizione nella tv italiana (era il 1995) ma hanno subito anche tante critiche (e censure) per via di una presunta eccessiva violenza nei combattimenti e a causa dei riferimenti sessuali.

    Dragon Ball

    Altro fenomeno di culto degli anni ’90 tutt’oggi molto amato è il mitico Dragon Ball, tratto dal manga di Akira Toriyama. Tre le serie animate trasmesse: la prima narra gli eventi di Goku, Bulma e compagni compresi dall’inizio del fumetto alla fine del 23º Torneo Tenkaichi; la seconda, Dragon Ball Z, ruota intorno agli eventi compresi dalla comparsa di Radish al 28º Torneo Tenkaichi; la terza, Dragon Ball GT, è stata creata appositamente per la televisione e vede Goku tornare bambino per dar vita a una nuova ricerca delle sfere del drago sparse in tutto l’universo. Sembrerà curioso ma le censure e le modifiche subite dall’anime includono anche la rimozione di nomi e riferimenti alla cultura nipponica.

    Naruto

    Ideato nel 2002 dal mangaka Masashi Kishimoto, Naruto è approdato in Italia nel 2006 con la prima serie da 220 episodi suddivisi in tre stagioni. In seguito, grazie al successo riscosso dall’anime, è stata trasmessa anche la seconda serie, intitolata Naruto Shippuden, ancora in corso.

    Anch’esso vittima della censura italiana nei dialoghi e nelle scene di sangue, ma trattato meglio rispetto ai vecchi anime, Naruto segue le avventure di un ninja dodicenne che sogna di diventare l’Hokage, ossia il ninja più importante del Villaggio. Ben presto scopre che dentro di lui è sigillata la Volpe, il più forte dei nove cercoteri, ed entra a far parte del Team 7 guidato da Kakashi e composto da Sasuke e Sakura. Insieme sono protagonisti di tanti combattimenti ninja.

    Pokémon

    Ispirato ai celebri videogame della Nintendo con protagonisti piccole creature immaginarie chiamate Pokémon, l’anime ha da subito conquistato i baby telespettatori proprio grazie alla presenza di questi mostriciattoli tascabili. La serie, composta sinora da 16 stagioni suddivise in quattro serie tv animate (Pocket Monsters, Pocket Monsters Advanced Generation, Pokémon Diamante e Perla, Pokémon Nero e Bianco, ma presto arriverà anche la serie XY), ruota intorno ad Ash, il cui sogno è diventare il miglior allenatore di Pokémon del mondo, e al suo inseparabile Pokémon, il simpatico e adorabile Pikachu. A farla da padrona sono i combattimenti tra Pokémon ma inseriti in un’atmosfera più rilassata, a volte anche molto comica. Questo però non l’ha reso immune dalla censura e da pesanti critiche: i Pokémon sono stati persino accusati di essere dei demoni.

    Spongebob

    Amatissima dai bambini Spongebob SquarePants è una divertente serie tv animata statunitense creata dal biologo marino e disegnatore Stephen Hillenburg. Ambientata nella cittadina di Bikini Bottom, sul fondo dell’oceano Pacifico, vede protagoniste delle creature marine che vivono in maniera simile all’uomo: l’allegra e spensierata spugna SpongeBob SquarePants, e i suoi amici Patrick e Sandy, rispettivamente una stella marina in sovrappeso e uno scoiattolo scienziato, la sua lumaca marina Gary, il suo vicino Squiddi, il suo capo Mr. Krabs e il rivale in affari di quest’ultimo, Plankton.

    Winx Club

    Concludiamo il nostro viaggio tra i 10 cartoni animati più belli di sempre con Winx Club, serie tv animata italiana dal successo mondiale creata da Iginio Straffi. Protagoniste un gruppo di bellissime fate che studiano al college di magia di Alfea nella Dimensione Magica e combattono contro pericolosi nemici, tra cui le perfide streghe Trix: Bloom, la Fata della Fiamma del Drago, Stella, Fata del Sole e della Luna, Flora, Fata della Natura, Musa, Fata della Musica, Tecna, Fata della Tecnologia, e Aisha, Fata dei Fluidi. Nella quarta stagione alle sei ragazze si aggiunge anche Roxy, Fata degli Animali.

    1242

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cartoni Animati
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI