Heroes 5 si farà, parola di Greg Grunberg

Greg Grunberg rivela che Heroes tornerà per una quinta stagione: le prove? "Abbiamo finito ieri di girare l'episodio finale - ha detto l'attore - e non è per niente somigliante, neanche lontanamente, ad un series finale

da , il

    Jay Leno Show

    Brutta giornata ieri in casa NBC, movimentata a causa della notizia, subito smentita, della cancellazione del Jay Leno Show: nei giorni scorsi avevamo riportato i rumors in merito ad una cancellazione del popolare conduttore/comico statunitense, anche se Angela Bromstad, capo di NBC Entertainment, aveva spiegato che in un’ottica di ripensamento generale del palinsesto, avere il Jay Leno Show, che per cinque sere a settimana copre lo slot delle 22 è un sollievo. In realtà Jay Leno dovrebbe spostarsi alle 23.35 (e Conan O’Brien a dopo mezzanotte) perché per quanto vada benone non riesce ad essere forte quanto una serie tv. Ed a proposito di serie tv e cancellazioni, chissà che tutti i rumors in merito al Jay Leno non abbiano fatto suonare il campanello d’allarme a qualcuno di Heroes

    In un’intervista ad Ausiello, infatti, Greg Grunberg rivela che Heroes tornerà per una quinta stagione: le prove? “Abbiamo finito ieri di girare l’episodio finale – ha detto l’attore, che già l’anno scorso aveva anticipato il rinnovoe non è per niente somigliante, neanche lontanamente, ad un series finale. Si conclude con un cliffhanger ma non è neanche lontanamente simile ad un serie finale che possa piacere alle persone. Non conclude nulla, e non ho alcun dubbio che Heroes tornerà anche l’anno prossimo“.

    Come già Dawn Olivieri (che nei giorni scorsi aveva detto come Heroes non sarebbe andato da nessuna parte visto il buon responso all’estero), anche Grunberg cita le ottime vendite dei dvd in patria ed il successo internazionale come due ragioni per le quali la serie deve andare avanti: “Chiuderemo per bene alla prossima stagione ed arriveremo a cento episodi” – promette l’attore, per poi ‘correggersi con un “o almeno, spero di vederlo accadere. Quando scrivono le sceneggiature, gli autori ci mettono molta cura, quindi spero che avremo la possibilità di chiudere per bene“.

    Grunberg si è rifatto anche a Lost (dove peraltro lo rivedremo nella premier del 2 febbraio in qualità di pilota dell’aereo, ndr), “Lost – ha spiegato – ha stabilito una data di scadenza che ha aiutato sia i telespettatori sia chi lavorava nello show, con una data certa hanno dato a tutti qualcosa di tangibile cui ‘affezionarsi’ e per cui essere eccitati. Spero – ha concluso l’attore – che succederà la stessa cosa anche per noi“.