Heath Ledger, il Golden Globe andrà alla figlia Matilda

da , il

    Heath Ledger, Joker

    Mentre in Italia ancora di discute della non nomination agli Oscar per Gomorra (anche se le pellicola potrebbe essere ‘ripescata’), e della sconfitta del film di Garrone ai Golden Globes, in America e in Australia sono tutti commossi per il Golden Globe assegnato (postumo) a Heath Ledger, la cui interpretazione del Joker, secondo il padre dell’attore morto lo scorso gennaio, non è stato “il momento più dark della sua carriera, ma uno dei più splendenti“.

    Che l’interpretazione di Ledger ne “Il Cavaliere Oscuro” fosse a dir poco da brividi è fuori discussione, e Ledger, oltre al Golden Globe, ha vinto anche un Critics Choice Award e una nomination agli Screen Actors Guild, senza dimenticare che a breve sono attese le nomination agli Oscar…

    Tutti riconoscimenti (il discorso è fatto per il Golden Globe, ma supponiamo sia valido anche per tutti gli altri premi) che Heath “avrebbe amato”, come ha confessato Kim Ledger, padre dell’attore. “La gente, ha aggiunto, dice che è stata questa interpretazione ad uccidere Heath, io non credo sia così e vorrei essere stato accanto a mio figlio in quel periodo.

    I familiari dell’attore, comunque, hanno annunciato che – quando diventerà più grande – tutti i premi ed i riconoscimenti verranno consegnati alla figlia di Ledger, Matilda: “Li daremo a lei, ha spiegato la nonna della piccola, Sally Bell, al momento è troppo piccola, ma prima o poi avrà tutte queste cose, che appartengono a Matilda in quanto lei è parte di Heath“.

    La donna ha anche aggiunto che “per la nostra famiglia è stato molto emozionante e so che Heath avrebbe apprezzato tutto questo nostro entusiasmo. Heath sta lasciando una grande eredità per sua figlia, con molte persone che un giorno le potranno raccontare di suo padre, e del rispetto che riscuoteva nell’industra del cinema“.

    Un discorso simile a quello fatto da Christopher Nolan dopo aver ritirato la statuetta: “Dopo che Heath è morto, ha detto il regista de ‘Il Cavaliere Oscuro’, si è aperto un vuoto nel futuro del cinema, ma lo straordinario consenso riscosso dal suo lavoro penso che potrà mettere in secondo piano questo vuoto, e ci farà mettere Heath tra i grandi del cinema grazie al suo talento e alle sue performance“.