Hard Candy, di David Slade (recensione, video, fotogallery)

Hard Candy, di David Slade (recensione, video, fotogallery)

Jeff Kohlver (Patrick Wilson) è un giovane fotografo trentaduenne, che, via chat, conosce e adesca adolescenti per poi abusare di loro: ma quando conoscerà Hayley Stark (Ellen Page, Juno), di diciotto anni più giovane di lui, le cose non andranno come previsto…

    Jeff Kohlver (Patrick Wilson) è un giovane fotografo trentaduenne, che, via chat, conosce e adesca adolescenti per poi abusare di loro: ma quando conoscerà Hayley Stark (Ellen Page), di diciotto anni più giovane di lui, le cose non andranno come previsto…

    In uscita a breve in dvd per la vendita, anche se alcuni negozi lo danno già a noleggio, Hard Candy (che nel gergo di internet è sinonimo per ragazza giovane) è solo l’ultimo esempio della poca lungimiranza dei nostri distributori cinematografici: uscito ben tre anni fa in America, il film di David Slade, che ha lanciato la carriera di Ellen Page (la protagonista di Juno), tiene letteralmente incollati alla poltrona senza dare un attimo di tregua.

    Grazie anche ad un’ambientazione minimale (praticamente tutto il film è girato nella casa del fotografo, solo nelle prime battute si vede anche il bar dell’appuntamento), “Hard Candy”, versione 2005 della favola di Cappuccetto Rosso al contrario, è una pellicola ‘dark’, claustrofobica ed adrenalinica. In molti hanno messo in dubbio la ‘credibilità’ del film, ma se Romero riesce a farci credere per ben cinque film che ci possano essere morti che resuscitano e sbranano le persone, non si capisce perché una quattordicenne non possa diventare la ‘giustiziera della notte’ di un fotografo pedofilo.

    Curiosità:
    - Hard Candy ha ottenuto una nomination come miglior film straniero indipendente ai British Independent Film Awards del 2006;
    - nella pellicola appare, anche se solo per pochissime scene, una delle protagoniste di Grey’s Anatomy, Sandra Oh

    VOTO: 8 - Una pellicola ‘forte’, che tratta un tema discusso da un punto di vista che in molti troveranno discutibile; contiene alcune scene non propriamente ‘edificanti’, ed è quindi da evitare se siete facilmente impressionabili, per il resto…dialoghi intelligenti, recitazioni degne di questo nome e più di un’ora e mezzo di adrenalina…io direi che si può anche vedere, no?

    Hard Candy, trailer

    473

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI