Happy Days, la serie di culto degli anni ’80 diventa un musical

Happy Days, la serie di culto degli anni ’80 diventa un musical

È in arrivo sui palchi italiani il musical tratto dalla serie di culto Happy Days

    È una delle serie più amate di sempre e adesso sta per diventare un musical. Happy Days, il telefilm di culto creato da Garry Marshall, arriva sui palcoscenici italiani. Presto Fonzie, Richie Cunningham e tutti gli altri protagonisti parleranno e canteranno in italiano. La versione italiana del musical è stata prodotta dalla Compagnia della Rancia, mentre l’ideatore è Garry Marshall. Marshall ha creato serie di successo come Mork & Mindy e ha diretto film amatissimi con Pretty Woman, il produttore di origine italiana saluterà con un videomessaggio il pubblico italiano.

    La regia dello versione italiana del musical è affidata a Saverio Marconi, quanto al cast i protagonisti sono stati scelti fra 700 candidati. Ecco i personaggi principali del musical: Fonzie, interpretato nel telefilm da Henry Winkler oggi autore di storie per bambini, sarà nel musical Riccardo Simone Berdini. Il ruolo del papà di Richie, Howard Cunningham, interpretato dall’attore Tom Bosley scomparso nel 2010, è andato a Giovanni Boni, mentre il personaggio principale Richie avrà il volto di Luca Giacomelli. Al cast della Compagnia dell’Arancia spetta il compito di far rivivere la spensieratezza del telefilm che fece epoca. Il debutto è fissato per il 24 marzo al Teatro della Luna di Milano, poi partirà il tour in altri teatri d’Italia. Happy Days – The Musical arriverà anche a Napoli al teatro Augusteo dal 29 aprile all’8 maggio.

    Protagonista di Happy Days è una famiglia borghese di Milwaukee, i Cunningham: Richie (interpretato dal regista Ron Howard) e la piccola Joanie, detta Sottiletta. Richie passa parte del suo tempo da Arnold’s, un locale gestito da Alfred Delvecchio: qui Richie passa le sue serate con Potsie e il mitico Ralph Malph. La serie è andata in onda negli States dal 1974 al 1984 e arrivò in Italia nel 1977.

    Un successo mondiale quello di Happy Days, tanto che diede vita a numerosi spin-off, il più famoso è Mork & Mindy, infatti in un episodio Richie Cunningham sogna di incontrare un extraterrestre chiamato Mork (interpretato da Robin Williams), peccato che la puntata venne trasmessa in Italia dopo che il telefilm con Robin Williams aveva già molto successo.

    Non solo musical, Happy Days ha avuto anche due omaggi musicali: uno è nostrano l’altro è statunitense. Il primo è nella canzone deli 883 Gli Anni in cui viene citato Ralph Malph. Il secondo è un video degli Weezer girato dentro Arnold’s e presenti a godersi lo spettacolo ci sono anche Richie, Al e Potsie. Ecco il video diretto da Spike Jonze del loro primo vero successo: Buddy Holly. Gli Weezer non sono nuovi agli omaggi telefilmici: hanno dedicato titolo e copertina a Hurley, il personaggio di Lost.

    534

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Serie TV Americane
     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE