Guillermo del Toro firma per Lo Hobbit

Guillermo del Toro firma per Lo Hobbit

    guillermo del toro

    Guillermo del Toro è ufficialmente il regista dello Hobbit e del suo sequel: il regista ha infatti firmato nei giorni scorsi il contratto con la New Line Cinema, ed il tutto è stato reso noto dai produttori Peter Jackson e Fran Walsh, dal neopresidente della New Line Toby Emmerich (la New Line è stata assorbita dalla Warner Bros, che curerà la distribuzione americana dei film) e da Mary Parent, a capo della MGM (che curerà l’uscita de Lo Hobbit nel resto del mondo).

    “Sono onoratissimo, ha detto il regista, di far parte della ‘comunità’ che Peter, Fran e il loro team straordinario di collaboratori hanno creato in Nuova Zelanda, e contribuire all’eredità del ‘Signore degli Anelli’ è un sogno che diventa realtà”. Non meno entusiasti Jackson e la Walsh , che hanno parlato di Del Toro come di un regista “straordinario, che non ha mai perso il senso ‘bambinesco’ della meraviglia. Abbiamo ammirato il lavoro di Guillermo per lungo tempo e non avremmo potuto scegliere altrimenti per questo nuovo viaggio nella Terra di Mezzo”. Del Toro, che probabilmente si trasferirà armi e bagagli in Nuova Zelanda (dove i film saranno girati, con minimo 4 anni di lavoro complessivo), ha fatto inoltre sapere che le due pellicole saranno estremamente curate nel dettagli, ci saranno poche ricostruzioni in studio e un abbondante uso dei panorami e delle terre neozelandesi: “Inizieremo la pre-produzione da ques’estate, ha detto il regista, C’è così tanto da fare, è incredibile. Solo piantare gli alberi e le piante necessari per la riforestazione della Contea porterà via mesi, e noi intendiamo essere il più fedeli possibile a quanto già visto”. Ad oggi i fan sono entusiasti, resta da vedere quanto durerà l’idillio considerato che il secondo film, che coprirà il gap di sessant’anni tra “Lo Hobbit” e “Il Signore degli Anelli”, non è tratto da nessuna opera di Tolkien: Jackson e Del Toro sono consapevoli di questo, e ne hanno parlato più volte: “Sappiamo, ha detto Del Toro, che stiamo ricreando — e creando a nuovo — un universo che è parte dell’immaginario di milioni di persone e intendiamo gestirlo con la passione e il rispetto che merita. Il film non è un’appendice o un riempitivo, ma parte integrale di quei 50 anni di storia non narrata.

    Ci saranno delle cose che avremo già visto nel primo film ma osservate da un’altra prospettiva. Alla fine il tutto sembrerà un’unica storia completa raccontata in 5 volumi”.

    490

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI