Guerra e Pace dal 21 ottobre su RaiUno. In anteprima il video del backstage

Guerra e Psce in onda dal 21 ottobre su RaiUno

da , il

    Il kolossal Rai Guerra e Pace andrà in onda su RaiUno a partire dal 21 ottobre. In attesa di seguire le gesta dei protagonisti del capolavoro di Tolstoj e per iniziare ad avere un’idea di quello che vedremo fra due settimane, godetevi il dietro le quinte con le interviste ai protagonisti, tra cui Alessio Boni, Violante Placido e Valentina Cervi.

    Ne avevamo già accennato (con l’articolo di Fulvia che lanciava la news già ad aprile e con la “retrospettiva” sulla fiction storica), ma ora siamo davvero prossimi alla messa in onda della miniserie in 4 puntate da 100′ realizzata grazie ad una coproduzione europea che vede la partecipazione, oltre che di Lux Vide e RaiFiction per l’Italia, di Canal Rossia (Russia), Eos Film (Germania), Pampa Production (Francia), Baltmedia Projektor (Polonia) e Grupo Intereconomia (Spagna).

    Pare che le maggior riserve alla realizzazione del titolo – fortemente voluto da Agostino Saccà, direttore di RaiFiction – siano venute dalla tv russa, scettica nell’approvare un progetto italiano, girato in inglese e interpretato da attori di diverse nazionalità. Sembra che abbia ceduto solo dopo essersi garantita che i ruoli del generale Kutuzov, l’uomo che sconfisse Napoleone, e dello zar Alessandro fossero affidati ad attori russi. Anche con la Polonia l’accordo è stato sofferto: l’arrivo al potere dei gemelli Kaczynski, troppo nazionalisti per approvare l’investimento su un romanzo russo, ha fatto saltare la partnership con la tv di stato e pertanto si è “ripiegato” sulla tv privata Baltmedia Projektor, già coinvolta nella fiction Lux su Papa Wojtyla.

    I costi si aggirano sui 28milioni di Euro, di cui 8 milioni e 600mila italiani. A far lievitare i costi le grandi scene di battaglia, girate in 35mm, ma a quanto pare non le più difficili per il regista Robert Dornhelm, particolarmente preoccupato dei danni che la scena del gran ballo a Palazzo Puskin avrebbe potuto provocare agli arredi e alle stanze della residenza imperiale. Le riprese, avvenute prevalentemente in Lituania e nei palazzi imperiali di San Pietroburgo, sono durate venti settimane con troupe da 160 elementi, ma per la sintesi dei numeri rimandiamo al promo, visibile qui.

    Nel cast, oltre ai già citati italiani, troveremo la francese Clémence Poésy (Natasha), tra gli interpreti di Harry Potter e il Calice di Fuoco e di Maria Stuarda per la Bbc, e il tedesco Alexander Beyer (Bezuchov), noto attore di serie tv e conosciuto al cinema con Munich.

    Sul piano commerciale, gli accordi di coproduzione permetteranno la circolazione della miniserie nei Paesi investitori. Inoltre la Rai ha confermato di averne già venduto i diritti all’India e all’intero Medio Oriente (Iran escluso), durante l’ultimo Mipcom, e di avere in corso trattative con le tv scandinave, dell’America Latina e della Turchia.

    A presto per i commenti finali e i risultati di ascolto.