Guai con il fisco per Simona Ventura

Guai con il fisco per Simona Ventura

la gdf contesta a Simona Ventura 1 milione di euro di tasse

    Simona Ventura

    Anche Simona Ventura cade nella rete del fisco. La Guardia di Finanza ha fatto delle verifiche sul suo reddito e su quello di due società. Mancherebbero un milione e 200 mila euro! La notizia è stata pubblicata ieri pomeriggio su Corriere.it.

    La contestazione del Gruppo Milano delle Fiamme Gialle riguarda il periodo 2003-2006, in cui Super Simo avrebbe dedotto 1 milione e 100 mila euro dalla dichiarazione dei redditi personali e della Ventidue srl (la società di cui è socia insieme al padre Rino) per pagamenti che non avrebbero potuto essere dedotti e per i quali mancherebbero le fatture. Tra le spese contestate ci sono cure termali, costruzione di una piscina, noleggio di un elicottero, tappeti della Walt Disney, leasing, mobili per la cucina.

    Per gli anni 2005-2006 la conduttrice di “Quelli che il calcio” non avrebbe invece dichiarato 57 mila euro derivanti da alcuni orologi ricevuti da un’azienda e che andavano segnalati come compensi in natura. Per quanto riguarda la sua seconda società, l’Immobiliare Ventiquattro srl, è stato accertata solo una mancata dichiarazione di 1.700 euro per il 2005.

    Simona Ventura si va ad aggiungere così alla lista di vip pizzicati in fallo dalla Guardia di Finanza.

    L’ultimo clamoroso caso in ordine di tempo è stato il campione della MotoGp Valentino Rossi che dopo l’accordo con l’Agenzia delle Entrate dovrà sborsare ben 35 milioni di euro. Prima di lui era toccato a Luciano Pavarotti (nel 2001 pagò più di 5 miliardi di lire), ad Alberto Tomba (5 miliardi di lire) e al pilota di Formula 1 Giancarlo Fisichella (3,8 milioni).

    419