Grey’s Anatomy, parla Mary McDonnell

Come abbiamo già anticipato nei giorni scorsi, la presidente 'Laura Roslin' di Battlestar Galactica, al secolo Mary McDonnell, è arrivata al Seattle Grace nella puntata di Grey's Anatomy andata in onda ieri sera in America, ma non aspettatevi che il suo personaggio diventi parte dell'allegra brigata

da , il

    Grey’s Anatomy, parla Mary McDonnell

    Come abbiamo già anticipato nei giorni scorsi, la presidente ‘Laura Roslin’ di Battlestar Galactica, al secolo Mary McDonnell, è arrivata al Seattle Grace nella puntata di Grey’s Anatomy andata in onda ieri sera in America, ma non aspettatevi che il suo personaggio diventi parte dell’allegra brigata…(attenzione, seguono spoiler).

    Come avevamo scritto, infatti, il personaggio della McDonnell, la dottoressa Virginia Dixon, soffre della sindrome di Asperger, il che significa che per quanto brava e intellettualmente dotata, non è esattamente una persona di compagnia come può esserlo ad esempio George O’Malley.

    Non consideriamo poi il fatto che il ruolo del cardiochirurgo non è esattamente uno di quelli più ‘ambiti’ in Grey’s, con tre dottori (oltre alla Dixon, come dimenticare il dottor Burke e la dottoressa Hahn?) cambiati nel giro di cinque anni. Di seguito, comunque, è la stessa McDonnell a fornirci qualche dettaglio sul suo personaggio…

    Innanzitutto, perché al Seattle Grace l’hanno cercata? Secondo quanto spiegato dall’attrice, “la Dixon è un chirurgo veramente in gamba, ma quello che mi piace del mio personaggio, quello che mi elettrizza del ruolo, è essere capace di mostrare al mondo la brillantezza delle persone che soffrono di Asperger. Queste persone possono essere estremamente brillanti, e noi, come società, abbiamo bisogno del loro contributo”.

    Non dimentichiamo, inoltre, che il Seattle Grace è decaduto alla dodicesima posizione tra gli ospedali universitari, per questo il capo ha un disperato bisogno di grandi dottori che, con grandi operazioni, risollevino il rank della struttura: da qui l’inglesso di Virginia Dixon, che secondo la McDonnell “è il secondo dottore del Paese nella sua specializzazione. Questa donna è brava in ciò che fa, e a quelli del Seattle Grace serve”.

    I dottori storici della serie, comunque, saranno piuttosto insicuri sul come comportarsi con lei, vedi anche video postato in apertura di post: secondo la McDonnell, “quelli del SG sono stati avvertiti del suo arrivo e del fatto che la nuova dottoressa è un po’ ‘strana’, ma non sanno cosa aspettarsi realmente finché la Dixon non arriverà lì”.

    Ma perché, infine, la nuova dottoressa è arrivata al Seattle Grace? Secondo quanto dichiarato dall’attrice, anche lei si è spesso domandata “sul cosa ha motivato questa donna a trasferirsi. Le servono i soldi? Qual è la sua storia? Ha una famiglia? Penso, ha concluso la McDonnell, che avesse bisogno di questo lavoro, e che avesse bisogno di spostarsi“. Altri dettagli, sicuramente, nel corso delle prossime puntate…