Grande Fratello non chiude: QuiMediaset ‘corregge’ Piersilvio Berlusconi

Grande Fratello non chiude

da , il

    grande fratello_quimediaset

    L’intervista rilasciata ieri da Piersilvio Berlusconi a Il Messaggero ha fatto gridare (di nuovo) alla chiusura anticipata del Grande Fratello 12 e ha gettato ‘ombre’ sul futuro del reality alla corte del Biscione. ‘Il GF ha bisogno di riposare‘ ha detto il vicepresidente Mediaset, facendo sperare nella definitiva scomparsa del format dopo una stagione grigia per risultati e ‘narrazione’ (i contenuti, se mai ci sono stati, sono evaporati da molto tempo). Ma a chiarire il senso delle dichiarazioni di Berlusconi jr ci pensa il portale stampa QuiMediaset a mezzo Twitter: una scena già vista.

    Il Grande Fratello sta vivendo una stagione particolare per vari fattori, a cominciare dalla scelta del cast. Probabilmente, ha bisogno di riposare, ma il reality resterà uno dei generi della tv generalista‘: così parlò Piersilvio Berlusconi a Il Messaggero e in men che non si dica è scattato il ‘de profundis’ per il GF. Dagospia parla di una chiusura anticipata di una settimana, mentre in molti hanno dedotto che il calo degli ascolti si traduca in una sospensione del reality, una ‘pausa di riflessione’ che potrebbe tradursi in un addio definitivo a un format che – al di là del cast – non ha davvero più nulla da raccontare.

    E invece a ‘correggere’ le dichiarazioni di Piersilvio - o meglio a ‘correggerne’ l’interpretazione – accorre Qui Mediaset che con un tweet annuncia che ‘C’è chi ha capito male. Il GF non chiude affatto, riposare significa solo che la prossima edizione non ripartirà subito‘. Insomma, dietro le parole di Berlusconi jr. ci sarebbe solo la posticipazione del GF 13 a gennaio 2013, come peraltro già anticipato qualche giorno fa da Tv Sorrisi e Canzoni. In tutto questo fa specie notare come il profilo Twitter di QuiMediaset sia ormai sempre più spesso costretto a puntualizzare che il Grande Fratello non chiuderà: si era trovato nella stessa situazione alla fine di dicembre, a pochi giorni dal secondo kick-off del reality, quando iniziò a circolare la voce di una ‘chiusura anticipata’.

    La domanda, però, è sempre la stessa: perché tanta determinazione nel difendere un format ormai in onda da 12 anni? Possibile che non possa essere sostituito da null’altro. Possibile che Mediaset abbia tanto paura di perdere un programma che ormai è l’ombra di se stesso? Magari senza il GF gli investitori potrebbero decidere di ‘tornare’ a investire in tv, no?