Grande Fratello è una cloaca: parola dei Moige

Grande Fratello è una cloaca: parola dei Moige

Il Moige attacca il GF 11 per la riammissione in gioco di Massimo Scattarella: "Il Grande Fratello è una cloaca"

    Il Moige contro il GF 11

    Come immaginabile, il Moige non ha preso bene il ritorno di Massimo Scattarella al Grande Fratello dopo la squalifica per bestemmia rimediata lo scorso anno. Prima la grazia a Matteo Casnici, poi il reintegro del Pitbull del GF 10 hanno decisamente rovinato le feste al Movimento dei Genitori che ha diffuso una nota di fuoco contro il reality di Canale 5. “Non accenna a diminuire la cloaca televisiva del Grande Fratello“: questo l’incipit del comunicato stampa.

    E’ decisamente infuriata la responsabile dell’Osservatorio Media del Moige, Elisabetta Scala, che all’indomani della puntata del GF 11 che ha sancito il rientro in gioco di Massimo Scattarella, voluto di nuovo in casa dal ‘pubblico’ dopo la ‘formale’ conferma da parte del programma della squalifica dello scorso anno. Una mossa alla Ponzio Pilato che ha garantito una settimana di ‘suspance’ e l’ingresso in casa di uno dei concorrenti più amati della scorsa edizione.

    E il Moige scatta: “Non accenna a diminuire la cloaca televisiva del Grande Fratello: anche nella puntata di lunedì, il reality show ha fornito al pubblico uno spettacolo deplorevole e inaccettabile, evidenziando per l’ennesima volta lo squallore incivile che regna in questa trasmissione, oramai non più sostenibile“. Ed entra subito nel merito della questione Scattarella: “La produzione del Gf continua ad ignorare le numerose segnalazioni.

    Adesso per chi compie un atto deprecabile come la bestemmia è previsto addirittura un premio: non l’espulsione immediata, bensì il reintegro nella trasmissione. I limiti della pubblica decenza sono stati abbondantemente superati: basti pensare anche al fatto che una bambina di sei anni sia quotidianamente privata della presenza della madre, in quanto concorrente del reality“.

    Visto che gli ascolti reggono e che il programma continuerà fino alla fine di Marzo, il Moige non può appellarsi solo a un’auspicata azione di boicottaggio, ma chiede agli sponsor di fare un gesto di ‘responsabilità’ civile e di abbandonare il programma. “L’unica soluzione possibile per porre fine a questa bassezza in tv – si legge ancora nella nota – è che da parte di tutti, spettatori e soprattutto inserzionisti, ci sia un no deciso a sponsorizzare programmi del genere. Sarebbe opportuno seguire il buon esempio del gruppo ‘Barilla’, che già da tempo ha deciso di non mandare più in onda i suoi spot nel corso della trasmissione: si tratta di un comportamento virtuoso che auspichiamo sia presto imitato“.
    L’appello cadrà nel vuoto?

    451

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI