Gogglebox, dal 30 aprile 2017 la seconda stagione su Italia 1

Gogglebox su Italia 1 in seconda serata con la nuova stagione dal 30 aprile 2017: tornano i commenti senza filtri dai salotti dei telespettatori italiani. Le telecamere entreranno nelle loro case per ascoltare i commenti sui programmi più divertenti e discussi della settimana tv appena conclusa.

da , il

    Gogglebox, dal 30 aprile 2017 la seconda stagione su Italia 1

    Gogglebox torna su Italia 1 da domenica 30 aprile 2017, con la seconda edizione. Lo annuncia la rete Mediaset, spiegando che la prima stagione è piaciuta e per questo si è fortemente voluto il ritorno in seconda serata, da maggio, del primo fixed show italiano che “guarda chi guarda la tv”. Ritornano quindi le cattiverie su nuovi programmi in onda e ritroveremo i commenti, rigorosamente senza filtri, direttamente dai salotti dei telespettatori italiani. Questo, almeno, è quanto promesso dalla rete.

    Gogglebox è una produzione factual entertainment di importazione che ci mostra famiglie italiane molto diverse tra loro, coppie di amici o colleghi, gruppi di ascolto che commentano ciò che seguono in tv, senza peli sulla lingua e senza curarsi del fatto di essere ripresi. Dopo l’esperimento dello scorso anno, Gogglebox è stato confermato da Italia 1 per una seconda stagione.

    A produrre la versione italiana del format inglese di Channel 4, da cui il programma è tratto, è in Italia la Stand by me di Simona Ercolani in esclusiva per Mediaset. Il format britannico in pochi anni ha conquistato oltre 30 nazioni nel mondo, ottenendo successo di pubblico e di critica in molti Paesi. Gogglebox, termine con cui in inglese viene chiamato colloquialmente l’apparecchio televisivo, punta a mostrare come gli spettatori vedono e commentano la tv. La caratteristica del programma è che i salotti dei protagonisti non sono trasformati in set televisivi: niente autori, cameramen, microfonisti, conduttori o pubblico nelle case dei telespettatori prescelti, ma solo due camere fisse ai lati del televisore, a riprendere chi la tv la guarda ma non la fa per professione.

    I telespettatori prescelti per la versione italiana, nella seconda edizione come nella prima, sono molto diversi tra loro per ceto sociale, professione, cultura, età e origine, e questo permette di cogliere tanti e diversi punti di vista. Oltre a commenti, preferenze, idiosincrasie televisive, pensieri reconditi e opinioni a volte scomode, i protagonisti di Gogglebox sveleranno anche aspetti curiosi e divertenti della loro vita quotidiana, tic, manie, magari prendendo spunto dal programma seguito.

    “Sono molto contenta delle famiglie, ognuna racconta un mondo. E’ tutto estremamente autentico, quindi è anche un viaggio nell’Italia: nelle loro case, abitudini e salotti”. Così spiegava la Ercolani della Stand by me alla vigilia della partenza della prima stagione. E aveva ragione, visto che in una puntata non sono mancati persino dei commenti razzisti che hanno suscitato una marea di polemiche sui social network. Quest’anno si lascerà tutta quell’autenticità o si preferirà abbondare nella post-produzione? Lo scopriremo a partire da maggio.