Glee, niente spettacolo per Broadway e scuole; ampliato il tour

Glee, niente spettacolo per Broadway e scuole; ampliato il tour

Non si parla altro che di Glee in questi giorni in America, l’ultima notizia è una versione teatrale curata da Music Theater International che secondo alcuni media americani sarebbe stata in trattative per portare la serie di Ryan Murphy a Broadway…e nelle scuole, con spettacoli ‘appropriati’ a seconda dell’età degli alunni…ma sarà poi vero?

    Non si parla altro che di Glee in questi giorni in America, l’ultima notizia è una versione teatrale curata da Music Theater International che secondo alcuni media americani sarebbe stata in trattative per portare la serie di Ryan Murphy a Broadway…e nelle scuole, con spettacoli ‘appropriati’ a seconda dell’età degli alunni…ma sarà poi vero?

    Ad annunciarlo ad Entertainment Weekly era stata proprio la MTI, secondo cui le trattative erano nella fase iniziale: sebbene ‘sconosciuta’ in Italia, la MTI ha una solida esperienza nel ramo, visto che oltre a formare attori teatrali propone anche spettacoli per le scuole (tra gli altri Hairspray, High School Musical e Rent) che vengono recitati da attori non professionisti proprio per le scolaresche.

    Anche Glee, dunque, avrebbe potuto percorrere questa strada, ma l’eventualità è stata smentita da un portavoce di 20th Century Fox TV che ha precisato come un progetto del genere non sia mai stato concepito e tantomeno discusso.

    Siamo molto attenti al come le ‘estensioni’ del nostro brand vengono fatte – spiega un comunicato ufficiale dello studio – e non ci risulta che ci siano trattative per creare una versione teatrale ed una scolastica di Glee”.

    Restano confermati i concerti “Glee Live! In concert!”, che dalle sette date originarie passano a 11: le città rimangono sempre 4, si parte da Phoenix il 15 maggio (Dodge Theatre), per poi spostarsi a Los Angeles (dal 20 al 22 al Gibson Ampitheatre), Chicago (25 e 26, al Rosemont Theatre) e New York City (dal 28 al 30 maggio al Radio City Music Hall). Previste le esibizioni di – tra gli altri – “Don’t Stop Believin”, “Somebody To Love”, “Jump”, “Don’t Rain on My Parade” e “Sweet Caroline”.

    302