Giovanni Vernia a Televisionando: ‘Gianluca Vacchi? Spero non se la sia presa. Enjoy!’ [INTERVISTA]

Giovanni Vernia a Televisionando: ‘Gianluca Vacchi? Spero non se la sia presa. Enjoy!’ [INTERVISTA]

Il comico torna con un nuovo personaggio: il fenomeno social dell'estate 2016

    Giovanni Vernia è Gianluca Vacchi, la parodia

    Giovanni Vernia è Gianluca Vacchi. Il comico genovese è tornato con un nuovo personaggio e il video della esilarante parodia ha totalizzato, in soli due giorni, quasi 3 milioni di visualizzazioni. Numeri importanti per i social, ma non solo. Per capire meglio come sia nata l’idea di indossare i panni di Gianluca Vacchi, Televisionando ha intervistato Giovanni Vernia poco dopo la pubblicazione del video. Tanti gli argomenti trattati, dalla tv al teatro, passando dalla radio e dai prossimi impegni lavorativi.

    Cosa ti ha spinto a imitare Gianluca Vacchi?
    Mi interesso a tutti i fenomeni, ma cerco sempre la chiave comica, mi immagino i retroscena. Vedendo queste foto così posate, in cui è tutto così bello, così lucido, e vedendo la crescita esponenziale di follower su Instagram, che in un mese ne ha guadagnati più di 2 milioni, ho pensato: ‘Come si può far ridere su questa cosa?’. Insomma, mi immagino qualcosa sul personaggio, sul mondo che lo circonda e lo calo in quel contesto. Quando ho pubblicato il video su Facebook, ho letto tutti i commenti sulla pagina e il più bello è stato: ‘Finalmente sei intervenuto!’.

    E’ stato difficile entrare nei suoi panni? La preparazione ha richiesto tanto tempo?
    No, il trucco è stato semplice perché avevo dei tatuaggi che mi erano rimasti dai tempi di Corona! (ride, ndr) Il capello fortunatamente era già tinto perché mi ero preparato per il Tomorrowland: sono andato a girare i video di Johnny Groove, che ho deciso di far tornare dopo quattro anni, ma in una chiave diversa.

    Sai se Gianluca Vacchi ha visto la tua parodia? Vi siete sentiti?
    No, tutto tace. Capisco che a volte queste parodie possano essere prese non bene, non tutti gradiscono. Questa non è cattiva, però un po’ ti mette alla berlina. Può essere che se la sia presa, ma spero di no, anche perché lo vedo abbastanza autoironico. Ad ogni modo, non abbiamo ancora avuto segnali di vita. Enjoy!

    Che rapporto hai con i social?
    Un rapporto d’amore, ormai sono diventati la vetrina principale per uno che fa l’intrattenitore, il comico. Ti viene un’idea e hai immediatamente lo spazio per farla vedere. Qualsiasi cosa, anche i video ironici sui social stessi, è una forma di comicità che senza il web non avrebbe senso. Il web mi permette di essere sul pezzo.

    Ancora una volta, intercetti l’attualità. Quanto è importante essere tempestivi e a cosa ti ispiri?
    L’attualità è fondamentale, sono un tipo che si stufa facilmente. Mi piace inseguire le cose attuali e testare subito strade nuove. Vacchi l’ho fatto adesso e penso che non lo farò più.

    Quale altro personaggio di estrema attualità merita attenzione?
    Beh, il personaggio del momento è Manuel Agnelli. Poi, tutto dipende anche dalla chiave che dai al personaggio: ad esempio, su Vacchi c’erano già tantissime parodie, ma si fermavano tutte al balletto, che secondo me è la parte minore; il nucleo dello sketch è quello che succede dopo. Se sei un personaggio famoso e vedi che ti seguo sui social, preoccupati, perché mi stai dando il la!

    Se fossi donna, quale personaggio femminile ti piacerebbe imitare?
    Ilary Blasi.

    Sarebbe simpatica da fare: è ruspante, non l’ha ancora fatta nessuno. E’ bello scovare personaggi non ancora imitati, altrimenti per fare bene devi trovare una chiave che spacca.

    Hai riesumato Johnny Groove, la domanda su Zelig sorge spontanea: ci sarai?
    Sinceramente non ho molte notizie, non li ho ancora sentiti. So che sarà una edizione di celebrazione. Non so, dipende sempre dalla chiave: Johnny Groove può tornare in tv, ma non allo stesso modo di prima. Bisogna tornare in un’altra dimensione, altrimenti è un déjà vu che a me non piace fare. I video di Johnny Groove si ispirano un po’ a un Mister Bean dei giorni nostri: quando giravo i video, gli stranieri, vedendomi girare le scenette, ridevano; questo vuol dire che è una maschera che riconoscono anche al di fuori dell’Italia. Lo sto tirando fuori perché la mia ambizione è farlo uscire dai confini italiani e il web è un alleato importante per questo obiettivo.

    Stai lavorando a un One Man Show?
    Il progetto c’è. In passato ho lavorato tanto con aziende americane, l’inglese lo so bene e mi è venuta un’idea per portare Giovanni Vernia all’estero, a livello teatrale. Ci stiamo lavorando.

    C’è già una data?
    Sì, stiamo scrivendo il testo e l’obiettivo è autunno 2017.

    Quali Paesi toccherai?
    Prima l’Europa e, se funziona, si va anche fuori. Sarebbe bellissimo!

    Tornerai a breve sul piccolo schermo o non c’è possibilità alcuna?
    In tv sarò con Fiorello a Edicola Fiore. Avrò una rubrica divertente e di satira sul nostro Paese. Sono felicissimo perché è un contenitore molto bello e lui è un grandissimo, anzi è IL grandissimo. Poi c’è qualche ospitata in qualche altro contenitore, si sta parlando di Bring The Noise, visto che quando c’è da avere a che fare con la musica mi diverto molto.

    Quest’anno sei fuori dal palinsesto di Radio 2. Come hai vissuto la nuova direzione e i nuovi palinsesti?
    Molto serenamente. ‘E’ qui Radio 2?’ era un programma comico, che è stato testato nel weekend. Gli ascolti ci hanno dato ragione perché abbiamo raddoppiato lo share in quella fascia del sabato e della domenica e anche il pubblico in sala era molto affezionato. Un programma del genere, però, relegato al weekend perdeva perché la scrittura impegnava almeno metà settimana e non avevamo tempo per fare altro; ti giocavi tutto nel weekend e in due ore dove gli ascoltatori radiofonici sono pochi, quindi o si passava al quotidiano oppure non aveva senso continuare così. Siccome nel quotidiano non c’era posto, molto serenamente abbiamo detto basta, ci siamo presi il nostro premio della satira e va bene così.

    998

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI