Gigi Proietti: santo e truffatore per fiction

Gigi Proietti: santo e truffatore per fiction

Tanto teatro nell'estate di Gigi Proietti e poi in autunno, un nuovo personaggio in tv, sarà infatti San Filippo Neri e subito dopo un truffatore, sempre per fiction

    proietti-gigi.jpg

    Gigi Proietti si sdoppia per fiction, lo vedremo, infatti, nelle vesti di un santo e poco dopo in quelle di un genio della truffa nell’autunno della prossima stagione televisiva. Il popolare attore, che proprio in questi giorni ha ricevuto a Verona il premio Renato Simoni per la fedeltà al teatro di prosa, si sta dedicando, in questi caldi giorni estivi, alla sua grande passione, il teatro, in attesa del debutto su Rai 1 di Preferisco il Paradiso, fiction su San Filippo Neri. Proietti parla in termini entusiastici della figura dell’uomo di Dio e dalla pagine de Il Giornale.it fa sapere che ne ha saputo apprezzare soprattutto le doti umane avvicinandolo più a Socrate che a ad uomo di Chiesa.

    Un uomo che ha lasciato molto ai suoi seguci e che ha aperto la strada al moderno concetto di oratorio, il San Filippo Neri raccontato in Preferisco il Paradiso. Un’altra fiction a sfondo religioso, sociale e umanitario, per l’ammiraglia Rai che scommette ancora una volta su un cavallo di razza come Gigi Proietti. E conoscendo Proietti c’è da star sicuri che l’aspetto vero, umano del santo saprà farlo uscire al meglio.

    Così come saprà dare credibilità anche al genio della truffa, che Proietti descrive come un uomo dedito sì all’illegalità, ma che alla fine si schiererà dalla parte del giusto. Il titolo non è ancora definitivo, anche se è ormai certa la messa in onda il prossimo inverno, inoltre è previsto, sempre in tv uno show tutto suo. Si preannunciano dunque nuovi successi per il maresciallo più famoso d’Italia e chissà che non riesca a bissare quel successo straordinario di audience che hanno avuto negli anni tutte le serie del Maresciallo Rocca.

    Ma, se gli impegni televisivi sono una piacevole certezza per tutti i suoi fan, meno chiaro sembra essere il suo futuro di direttore artistico teatrale. Non è sicuro, infatti, che Proietti rinnovi il suo impegno con il Silvano Toti Globe Theatre di Villa Borghese a Roma e forse già pensa alla direzione di un altro teatro, magari l’Ambra Jovinelli. Intanto ben presto riporterà sulle scene il suo fortunato spettacolo Di Nuovo Buonasera, ma pensa anche ad altri autori, Sardou, Feydeau, Sacha Guitry, mantenendo anche viva un’altra grande passione, quella per la lirica. A novembre sarà, infatti, impegnato a Salerno nella regia della Carmen di Bizet.

    Un anno ricco di impegni questo 2010 per Gigi Proietti e anche un bel modo di festeggiare a novembre i suoi settant’anni, tra San Filippo Neri e un truffatore con la faccia d’angelo, quanti altri attori della nostra tv possono vantare il suo curriculum e la sua capacità di passare da un personaggio all’altro con tanta leggerezza?

    522