Gianfranco Funari, il saluto della tv italiana

Ciao Gianfra', l'omaggio della tv italiana a Gianfranco Funari

da , il

    La morte di Gianfranco Funari ha sconvolto ieri sera i palinsesti di Rai e Mediaset, che hanno cambiato la programmazione di alcune reti per omaggiare il giornalista scomparso nella mattinata. Uno speciale in prima serata su Italia1, un Supervarietà di RaiUno a lui dedicato e un ritratto realizzato da RaiSat Extra trasmesso ieri notte e in replica questa sera alle 21.00. Cordoglio unanime da parte di tutta la tv italiana, che Gianfranco Funari con il suo stile, sempre tanto discusso, ha profondamente segnato. In alto l’intervista/testamento concessa a Enrico Lucci per Le Iene qualche anno fa.

    L’omaggio più sentito è stato quello di Studio Aperto che ha occupato la prima serata con una diretta, intitolata Ciao Gianfra’, nella quale si è ripercorsa la carriera dell’ex cabarettista passato poi al giornalismo (sebbene amasse definirsi un ‘giornalaio’) con una serie di filmati e di interventi in diretta di colleghi ed amici, da Giuliano Ferrara ed Emilio Fede, in collegamento telefonico, a Vittorio Sgarbi e Carlo Freccero presenti in studio.

    Nessuna diretta ma una collection di spezzoni delle sue storiche trasmissione hanno costituito, invece, il ricordo della Rai per quel Funari che è stato croce e delizia di Viale Mazzini. Un po’ misera, a dire il vero, la ‘concessione’ di un Supervarietà, trasmesso alle 20.35 su RaiUno, mentre RaiSat, presieduta da Carlo Freccero, ha riservato a Funari un ritratto speciale di due ore condotto da Antonello Colimberti, trasmesso ieri a mezzanotte da RaiSat Extra (canale 120 di Sky) e, come detto, in replica questa sera alle 21.00.

    Nella giornata di ieri, inoltre, si sono succeduti i messaggi di cordoglio e i ricordi dei colleghi della tv e del giornalismo italiano, mentre i fans del conduttore hanno intasato il sito ufficiale di Funari (www.gianfrancofunari.com) per lasciare un saluto all”amico’ scomparso. I funerali si terranno martedì 15 luglio alle 14.45 nella chiesa di San Marco, nel centro di Milano.

    Affranta la moglie Morena, che il conduttore aveva sposato nel 2004, dopo una lunga convivenza, che ha affidato le sue poche parole a Diva & Donna, ringraziando tutti per l’affetto dimostrato al marito fino all’ultimo. “Gianfranco mi ha lasciata - ha detto la moglie – era tanto più grande di me, ma mi ha dato l’energia che solo un ragazzo poteva darmi. L’ho amato tanto e mi ha insegnato tanto“. Un amore più che ricambiato, come hanno dimostrato tutte le ultime uscite pubbliche del giornalista che l’ha voluta sempre al suo fianco, in ogni trasmissione condotta e in ogni ospitata. “È da mesi che Morena dorme qui su una sedia, mi dispiace lasciarla, con lei ho conosciuto il grande amore, quello vero che dà tutto e non chiede niente”: sono state queste le ultime parole di Funari prima di entrare in coma.

    In maniera anche un po’ scaramantica, negli ultimi tempi Funari parlava spesso della sua morte, che sentiva inesorabilmente vicina. Al servizio realizzato da Enrico Lucci (che ha dichiarato in queste ore di aver perso con lui un padre putativo) per Le Iene subito dopo il difficle intervento del 2005, nel quale Funari ironizzava sulla sua scomparsa, un po’ come il Massimo Troisi di Morto Troisi, Viva Troisi, va aggiunta la lunga fotointervista concessa a Paolo Bonolis ne Il Senso della Vita, che vediamo di seguito.

    In chiusura vi proponiamo uno dei tanti ‘coccodrilli’ trasmessi nella giornata di ieri, ma soprattutto la prima apparizione televisiva di Gianfranco Funari, nelle inedite vesti di cabarettista. Vogliamo così immaginare che tutto possa ricominciare da capo.