GF9, Tommaso de Mottoni ‘espulso’ dal Galà

GF9, Tommaso de Mottoni ‘espulso’ dal Galà

Tommaso de Mottoni y Palacios, il nobile concorrente del GF9, è stato allontanato dalla produzione e non ha partecipato alla finale, né al Galà in onda questa sera

    Questa sera il Grande Fratello 9 saluterà definitivamente il suo numeroso pubblico con il Galà celebrativo, La Nostra Avventura, in onda alle 21.10 su Canale 5 e registrato mercoledì scorso. Rivedremo tutti i concorrenti: tutti meno uno, Tommaso de Mottoni Y Palacios, che ha quanto pare è stato fatto fuori dalla produzione. In alto un corposo omaggio della Gialappa’s al nobile concorrente, rapidamente scomparso dalla Casa.

    Un accorato comunicato stampa giunto in redazione non solo ci annuncia l’assenza del nobile Tommaso de Mottoni y Palacios (che ricorderete entrò con Paolo Mari a programma inoltrato) dal Galà in onda questa sera, ma ci fa notare anche che Tommaso era assente durante la finale. A dir la verità non ce n’eravamo neanche accorti, presi dalle soprese della puntata e dall’attesa di scoprire il nome del vincitore. Non di assenza volontaria si tratta ma di decisione presa dalla produzione. Perché? Pare che ad aver ‘condannato’ Tommaso all’esclusione sia stata la sua proverbiale educazione e il suo ‘spirito civico’. Ma leggiamo il comunicato.

    Domenica 19 aprile, durante le prove della coreografia d’apertura della finale, Tommaso ha trovato per terra in studio una serie di fogli buttati in modo disordinato e, da persona educata, li ha raccolti per dirigersi verso il primo contenitore della spazzatura, quando si è visto piombare addosso due persone della redazione che gli hanno intimato, con modi discutibili, di restituire immediatamente le cartacce, che evidentemente non erano spazzatura ma un qualcosa di molto importante e segreto che non doveva esser trovato. Alla richiesta maleducata, Tommaso, senza perdere l’aplomb, ha risposto che con lui senza usare le parole “per piacere” e “grazie” non si ottiene niente, ma comunque ha restituito le carte”.

    Un gesto ‘ammirevole’, che però la produzione non ha apprezzato, come si apprende continuando la lettura.

    Al gesto è seguita la cancellazione di Tommaso dalla coreografia con il pretesto che questi 5 minuti di discussione gli avevano impedito di seguire le prove; dopodichè, via sms gli è stato comunicato che la sua presenza al programma non era più richiesta. Non gli è stato possibile così partecipare alla serata finale insieme agli altri concorrenti, ma non solo: nei video riepilogativi, così come nella scaletta dei ringraziamenti dei concorrenti in mano alla Marcuzzi, nome e immagini di Tommaso sono stati totalmente cancellati. Come non avesse mai partecipato al programma; ed infatti non lo vedremo nella puntata in onda stasera, lunedì 27 aprile (e registrata la scorsa settimana).
    La redazione ha poi raccontato agli altri concorrenti che Tommaso per sua scelta aveva altro da fare e ha preferito non partecipare e questo non è vero, tant’è che Tommaso si trovava già a Roma e la produzione aveva prenotato hotel e viaggio
    “.

    Insomma, si configurerebbe (il condizionale è più che d’obbligo) un vero e proprio ‘giallo’ di cui Tommaso sarebbe stato la ‘vittima’ “dell’edizione più trash della storia del reality – come scritto ancora nel comunicato – quella del rovesciamento dei valori, dove si perdonano e giustificano gli spintoni, le parolacce e la maleducazione, è ovvio che vada punito e allontanato nel peggiore dei modi chi, con le buone maniere e un’ironia colta che spesso non viene compresa, raccoglie una cartaccia pensando di fare un gesto civile ed educato“.

    Ma cosa ci sarà stato di così compromettente in quelle carte? Il sospetto è strisciante, l’ipotesi di combine è dietro l’angolo, come si nota nel prosieguo della nota: “Evidentemente il contenuto delle cartacce trovate, a un giorno dalla finale, conteneva qualcosa che non doveva essere letto e a poco è servita la garanzia del nobile Tommaso di non rivelare niente del contenuto: le persone negligenti che hanno lasciato in giro quello che non dovevano hanno preferito adottare una misura di censura totale, piuttosto che rischiare con un suo intervento in puntata rivelazioni poco edificanti o chissà cosa“.

    Ma l’ufficio stampa ci rassicura, aggiungendo che “Tommaso ha preso la decisione con tranquillità e con l’ironia che lo caratterizza e che lo ha contraddistinto anche durante la sua permanenza nella casa: ‘Per me il Grande Fratello è paragonabile a uno yacht: sei felice il giorno che lo compri (quando entri) e sei ancora più felice quando lo vendi. Io, in questo modo l’ho venduto due volte’“.

    E a proposito di aplomb, Tommaso pare non aver aperto nessuna polemica con Endemol, come si apprende ancora dalla lettura del comunicato: “Endemol è una struttura con molte persone che lavorano e che mi hanno fatto vivere un’esperienza formativa interessante. In tutte le aziende con molte persone esistono anche purtroppo casi singoli di chi usa il proprio potere non come una responsabilità ma come un orticello: a me è stata data una prova di forza da chi evidentemente non è forte né dei propri argomenti né della propria professionalità. Credo che ai vertici non siano al corrente dei fatti, altrimenti, anziché allontanare me, avrebbero punito o se non altro sgridato chi è responsabile di aver lasciato documenti importanti in giro, non certo chi li ha trovati scambiandoli per spazzatura. Le dinamiche, l’esclusione via sms e le spiegazioni condite di insulti e arrampicate sugli specchi sono appannaggio di chi non vanta né anni di esperienza né intuito e logica: è chiaro che un’assenza si nota di più di una presenza in mezzo a un gruppo folto.
    Ad ogni modo non me la sono presa: dopo aver capito che la decisione non era reversibile la mia più grande preoccupazione è stata di avere polo, cravatta e pantaloncini corti per poter raggiungere la vicina Capalbio


    Tutto è bene ciò che finisce bene, quindi: il nobile Tommaso ha pensato bene di convertire l’espulsione in una bella vacanza in un luogo ameno con il supporto dei suoi ‘beni di prima necessità’.

    Per capire cosa sia davvero successo e quali siano i motivi per i quali Tommaso non è comparso nelle ultime due puntate del reality dovremmo quantomeno avere notizie da Endemol, che dubitiamo scenda in dettagli.
    Ovvio che il nostro sospetto non riguarda il contenuto ‘esplosivo’ delle cartacce civilmente raccolte da Tommaso quanto la tempestività del suo comunicato, giunto a poche ore dal Galà e in vista dell’asta degli agenti tv alla conquista dei concorrenti più ‘visibili’ della nona edizione del GF.
    Che Tommaso sia preoccupato più dei suoi possibili guadagni che della legittimità della vittoria di Ferdi? A pensar male si fa peccato, ma il più delle volte si indovina. Voi che ne pensate?

    1163

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI