GF 11, Pietro Titone ripete la bestemmia di Scattarella. E ora?

GF 11, Pietro Titone ripete la bestemmia di Scattarella. E ora?

Pietro Titone rispete parola per parola la bestemmia di Massimo Scattarella, espulso poi dal Gf 10

da in Grande Fratello 14, Primo Piano, Reality Show, Grande Fratello 11, Pietro Titone
Ultimo aggiornamento:

    GF11 Titone bestemmia

    La grazia a Matteo Casnici per la bestemmia scappatagli durante un tentativo di riappacificazione in una lite tra la fidanzata Francesca e il cavaliere di Malta Davide Baroncini ha lasciato un lungo strascico di polemiche, fuori e dentro la Casa. Se ne parla ancora e anche tra i concorrenti del GF 11 scattano i paragoni con i casi precedenti, ultimo tra tutti quello del GF 10, quando Massimo Scattarella si lasciò andare a un’espressione che gli costò l’esclusione. E per rinfrescare la memoria ai suoi compagni, Pietro Titone l’ha ripetuta parola per parola: e ora il Grande Fratello che farà?

    In c**o a Cristo“: questa la pessima espressione usata a mo’ di intercalare da Massimo Scattarella nella scorsa edizione del Grande Fratello e che costò al pitbull barese l’espulsione dal reality di Canale 5. Espulsione che non è scattata, invece, quest’anno per Matteo Casnici, lasciatosi andare a un gratuito ‘Mannaggia alla Mad****”, pronunciata in un impeto d’ira.

    Per Matteo il GF ha preferito una punizione più soft, la nomination d’ufficio (una decisione da Ponzio Pilato, un po’ come lasciare che il pubblico tv infligga al ragazzo la giusta punizione) riconoscendo nel fatto una sostanziale ‘incoscienza’, in parte dovuta alla scarsa conoscenza della lingua italiana (e delle sue varietà regionali), in parte motivata dalla mancanza di una reale intenzione di offendere la divinità.

    Questa sottigliezza non valse, però, per Scattarella, che proprio all’indomani della grazia concessa dal GF a Matteo ha protestato per il diverso trattamento, mentre il Moige continua a chiedere a gran voce l’espulsione dal gioco.
    Il precedente è stato evidetemente ricordato anche in Casa, visto che Pietro Titone ha ripetuto, parola per parola, senza alcun ‘beep’ la frase detta da Massimo lo scorso anno.

    Lo sconcerto è immaediatamente apparso sul volto dei compagni, che temono gravi ripercussioni per Pietro: lui, invece, si mantiene assolutamente tranquillo.

    Mica l’ho detto con intenzione offensiva?” risponde il ragazzo, che in effetti si è limitato a ‘ripetere’ un virgolettato di altri. Di certo non può essere accusato di bestemmia… o sì? Di certo ora in casa c’è un pericoloso precedente: tutti potranno appellarsi alla non volontà di offendere. E per il GF ora sono davvero problemi grossi… Vedremo lunedì cosa succederà.

    465

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Grande Fratello 14Primo PianoReality ShowGrande Fratello 11Pietro Titone
    ALTRE NOTIZIE