GF 11, l’Avvenire contro Mediaset per la bestemmia impunita

Ennesima polemica per il Grande Fratello 11

da , il

    gf11 alessia marcuzzi

    La bestemmia perdonata da Mediaset continua a fare la polemica. La mancata esplusione di Matteo Casnici e l’ingresso di Massimo Scattarella dentro la casa hanno provocato la rabbia del quotidiano della Cei, la Conferenza Episcolale Italiana, che ha condannato l’indulgenza di Mediaset nei confronti dei due concorrenti. L’ultima puntata della polemica è partita da una lettera scritta al direttore del quotidiano Marco Tarquinio da una lettrice a disagio per le scelte fatte dal reality show di Canale 5. Gli episodi citati dalla lettrice sono “l’assoluzione” di Matteo Casnici e il rientro di Massimo Scattarella, il primo è stato graziato mentre il secondo fu proprio eliminato a causa di un’imprecazione.

    Nella lettera si chiede “come mai si tollerano cose del genere ed è stato esiliato dalla Rai Beppe Bigazzi per aver detto che in tempo di guerra si mangiavano i gatti?”. Secondo il direttore quella del Grande Fratello è la cattiva televisione: “Rifiutare certi prodotti tv è l’arma più forte di cui disponiamo, ma so anch’io che non è sempre sufficiente. E anche stavolta, purtroppo, ne abbiamo una prova assai chiara‘. Secondo il direttore del quotidiano della Cei il caso della bestemmia di Scattarella prima e di Casnici poi è stato montato ad arte dagli stessi autori del Grande Fratello: “‘Ci sono ideatori di spettacoli che pur di ‘fare ascolti’ e tenere accesi i riflettori programmano – ma mi verrebbe da dire premeditano – incidenti-esca. Il caso del bestemmiatore è emblematico. Dico solo questo: mentre nel mondo ci sono decine di milioni persone che soffrono e vengono uccise per la propria fede, mentre ci sono cristiani condannati a morte per ‘blasfemia’ solo perché non rinunciano alla nostra fede in Gesù Cristo ”vero Dio e vero uomo”, in Italia – culla del cristianesimo e cuore della cattolicità – non si fa solo spettacolo dell’offesa a Dio e alla buona educazione che accomuna credenti e non credenti, ma si mette in scena anche il rito dell’indulgenza verso un’autentica blasfemia espressa nella sua forma più volgare e urtante”. Qualche giorno fa anche il Moige aveva criticato pesantamente il programma condotto da Alessia Marcuzzi, anche a causa della tanto polemica bestemmia, definendolo cloaca.

    Il diverso metodo di giudizio applicato da Mediaset e dagli autori del programma è stato al centro di numerose polemiche. Massimo Scattarella, eliminato l’anno scorso per la sua imprecazione, è rientrato in casa dopo la grazia a Casnici ed è la stessa cosa che si auspica Mirko Sozio, eliminato per lo stesso motivo durante l’ottava edizione. Mentre gli autori del reality show e Alfonso Signorini hanno salvato il bresciano perché l’espressione “mannaggia” non fa parte del suo linguaggio dialettale. Sarà ma il comportamento di Mediaset non ha convinto né il Moige, né moltissimi cattolici che si sono infuriati e non poco per l’assoluzione data ai due bestemmiatori Casnici e Scattarella. ‘‘Trovo assai grave, e mi sembra incredibile e incivile che la dirigenza di Mediaset continui a subire e, dunque, avalli tutto questo“, ha concluso il direttore di Avvenire. E noi siamo d’accordo con lui….