Gerry Scotti, nuovo contratto e nuovi format

Gerry Scotti non si accontenta, e nel nuovo contratto quinquiennale firmato con Mediaset lo showman lancia anche una sua “factory”, una struttura composta da autori e colleghi di fiducia con cui penserà a nuovi format per Canale 5 e Mediaset

da , il

    Cosa volere di più dalla vita quando sei “il signore dei quiz”, un famoso conduttore radiofonico e tutti i tuoi programmi fanno il boom di ascolti? In effetti è difficile volere di più ma Gerry Scotti non si accontenta, e nel nuovo contratto quinquiennale firmato con Mediaset lo showman lancia anche una sua “factory”, una struttura composta da autori e colleghi di fiducia con cui penserà a nuovi format per Canale 5 e Mediaset.

    Per ora Gerry si concentra soprattutto sulla fiction “Finalmente Soli”, girata in coppia con Maria Amelia Monti, di cui è previsto un film natalizio, diretto da Rossella Izzo, e cui prenderanno parte anche Paolo Villaggio, Enrico Brignano e Beppe Braida. Le riprese di “Dottor Clown”, il film ispirato a Patch Adams, cominceranno invece ad ottobre, mentre restano 120 le puntate di preserale previste. Il sogno nel cassetto sarebbe invece un talk show stile David Letterman, da sperimentare in un periodo slegato da necessità commerciali. Quanto alla factory, Scotti la userà ”per valutare nuovi formati per preserale e prime time”: Come spiegato dagli ambienti Mediaset ”cerchiamo rapporti di partnership con artisti dalla forte versatilità, che adattino contenuti, facciano fiction e intrattenimento, come Gerry – cui verranno affidati diversi ruoli – e la De Filippi – con la quale nei proissimi giorni firmeremo un analogo contratto”. La nuova azienda di Gerry Scotti potrà soprattutto sviluppare programmi per la mattinata di Canale 5, o attualizzare programmi come “Il pranzo è servito” (vedi anche qui).