Genitori in blue jeans, il cast spiega il segreto del successo della serie culto

Genitori in blue jeans, il cast spiega il segreto del successo della serie culto

Genitori in Blue Jeans, una delle serie tv più amate spiegata da chi la conosce benissimo, il cast di Growing Pains spiega le ragioni di un successo

    genitori in blue jeans reunion

    Alzi la mano chi non ha mai visto il capolavoro Genitori in Blue Jeans? Se non l’avete fatto siete forse nati dopo il 1990. Il titolo originale di questo telefilm di culto è Growing Pains ed è incentrato sulla famiglia Seaver. La serie andata in onda in Italia a cavallo fra gli anni ’80 e gli anni ’90 e ha appassionato tutti. Grazie al numero di Entertainment Weekly dedicato alle reunion di cast di film e serie amatissimi dal pubblico possiamo vedere come sono adesso Mike, Carol e Ben e i loro genitori. Dopo il salto lo scatto della rivista e i quattro protagonisti ci spiegano il perché del successo di questo telefilm ancora oggi amatissimo.

    Genitori in Blue Jeans (il titolo italiano è preso in prestito da un film) racconta la vita della famiglia Seaver che vive nel New Jersey ed è andato in onda negli States su Abc Family. Papà Jason è uno psichiatra e riceve a casa perché la moglie Maggie ha ripreso a lavorare come giornalista, hanno tre figli (si aggiungerà solo in seguito la piccola Chryssie): Mike, il più grande è quello che dà più problemi, lo intepreta l’icona degli anni ’80 Kirk Cameron, oggi reverendo; Carol, è una “secchiona” ed è interpretata da Tracey Gold, l’attrice ebbe problemi di anoressia durante la serie e infine, Ben, la piccola peste. Nello show fanno molte comparsate attori poi diventati famosi, giusto per citarne qualcuno: Leonardo Di Caprio è Luke, un giovane problematico che verrà adottato dai Seaver, Brad Pitt e Matthew Perry interpretano due interessi amorosi di Carol e fra le donne citiamo Heather Graham e Hillary Swank. Ecco la mitica sigla:

    Uno dei motivi del successo è sicuramente la sigla accattivante, con l’incipit “show me that smile” (mostrami il tuo sorriso) che si risolve poi in un ancora più bello “as long as we got each other” (purché stiamo insieme). Ma As Long as We’ve Got Each Other, questo il titolo della sigla, non è l’unico motivo del successo di Genitori in Blue Jeans. Growing Pains era una sitcom che univa le famiglie americane negli anni ’80 e a parte le pettinature super cotonate, il telefilm trasmetteva quella serie di valori che sono ancora oggi presenti in tutte le serie family della tv americana. I Seaver, come scrive Entertainment Weekly, entrano sentimentalmente fra le famiglie televisive più amate e sono diventate l’emblema di “una tv sana, buona e pulita“.

    Ma perché secondo il cast Genitori in Blue Jeans ha avuto così tanto successo, lasciamo la parola ai protagonisti.

    ALAN THICKE (Il papà Jason Seaver): “Eravamo uno show dei desideri. Era funzionale, bello, divertente, in qualche modo la famiglia di cui tutti sognano di far parte. Sono spesso lusingato quando le persone mi chiedono consigli sull’educazione dei figli, a loro rispondo sempre ‘È più facile essere un buon genitore quando hai 11 sceneggiatori che ti seguono e ti dicono cosa dire’. Questa era la dinamica familiare idilliaca che gli sceneggiatori avevano creato per noi, ed è spesso la famiglia ideale a cui molte persone aspirano”. Il canadese Alan Thicke continua a recitare ed è stato visto in qualche puntata di How I Met Your Mother. Ecco la prima parte della reunion al Larry King Show nel 2006 in occasione del lancio del dvd della serie:

    JOANNA KERNS (Mamma Maggie Malone Seaver): “Forse si tratta nostalgia di un’epoca differente. Era anni prima di queste guerre di quest’economia folle. Non si affrontavano questi temi in tv. Tutto avveniva in 22 minuti. Tutti erano al sicuro, nessuno si faceva male, nessuno moriva, e loro si volevano bene fino alle fine. Adesso c’è un mondo differente in tv. Anche se ci sono ancora delle mezzore favolose, come in Modern Family, si amano tutti alla fine! Penso che ti faccia stare meglio. Ogni puntata ti lascia qualcosa, quindi non ti senti più triste.”. Joanna Kerns ha recitato in alcuni film fra cui Molto incinta.

    Ecco la seconda parte della reunion su Cnn:

    KIRK CAMERON (Mike Seaver): “Oggi le nostre vite sono spezzate e distratte perché facciamo molte cose. Devi seguire cose che all’epoca non ti importavano.

    Quando andava in onda Genitori in Blue Jeans, c’era un senso di solidarietà familiare. C’era stabilità e anche un radicamento dei valori familiari che oggi manca. Era un’epoca in cui c’erano molti show simili. Penso che sia qualcosa di molto interessante guardare persone di un’epoca diversa e con una serie di valori differenti.Penso che le persone vogliano fare parte della famiglia Seaver, come vogliono essere uno dei Waltons (Una famiglia americana), o volevamo essere gli Ingalls di La casa nella prateria. Tutti pensavano: vorrei essere in questa famiglia“. Mike ha sposato la sua Kate (l’attrice Chelsea Noble) e oggi è diventato un pastore battista, fermo sostenitore del creazionismo e repubblicano. Ecco la terza parte della reunion al Larry King Show:

    TRACEY GOLD (Carol Seaver): “Growing Pains andava in onda in un’epoca più innocente, sembra quasi un cliché. Penso che ci riporti indietro a un’era più tenera e dolce. Era assolutamente una famiglia di riferimento. Si può prendere qualsiasi cosa dall’esperienza di ogni personaggio in Genitori in Blue Jeans, sia che riguardi i genitori o Mike, Carol e Ben. Solo per aver fatto parte dello show, ho questa sensazione quando guardo alcuni episodi. Sembrava tutto così reale, e alla fine c’era sempre qualcosa da portare con sé, come una lezione dolce e tenera“. Superati i problemi con l’anoressia, che l’allontanarono anche dallo show, Tracey Gold ha recitato in molti film tv e ha raccontato la sua lotta contro l’anoressia nel libro Room To Grow: An appetite for life. Ecco il link alla quarta parte della reunion.

    JEREMY MILLER (Ben Seaver): “Show come questo non vengono più fatti, un genere creato e pensato per l’intera famiglia e visto dall’intera famiglia. Questo non esiste più. Penso che la gente lo ricordi con molto affetto il tempo in cui si poteva sedere con i propri fratelli e sorelle, mamma e papà e guardare qualcosa tutti insieme. Penso che sia questa la ragione del successo di Genitori in Blue Jeans e l’alchimia che si era creata fra noi. Penso che trapelasse. Per anni mi hanno continuato a dirmi a come ricordassimo le loro famiglie“. Jeremy Miller si è preso una lunga pausa e ha ripreso a recitare solo nel 2009.

    Ecco l’ultima parte della reunion:.

    1283

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI