GB, polemiche per il messaggio di Natale di Ahmadinejad

GB, polemiche per il messaggio di Natale di Ahmadinejad

Aspra polemica in Gran Bretagna per la decisione dell'emittente privata Channel 4 di trasmettere il discorso di Natale del presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad che ha, come sempre, attaccato violentemente il popolo israeliano

    L’emittente privata Channel 4 ha trasmesso ieri, 25 dicembre, il discorso che il presidente iraniano Ahmadinejad ha rivolto al suo popolo in occasione del Natale, infarcito di dichiarazioni antisemite. Dure critiche da parte del governo britannico per la decisione dell’emittente. In alto il video integrale sottotitolato in inglese.

    E’ tradizione dell’emittente Channel 4 trasmettere nel giorno di Natale un ‘messaggio alternativo’ a quelli istituzionali: dopo il consueto messaggio della Regina Elisabetta si lascia spazio ai messaggi di personanggi non proprio ‘ortodossi’, piuttosto controversi (celebre resta quello del discusso reverendo americano Jesse Jackson) con l’obiettivo di offrire ai propri telespettatori una ‘visione alternativa del mondo’.

    Ma il discorso del presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad può essere difficilmente considerato un messaggio capace di ‘aprire le menti’ dei britannici. Si è trattato piuttosto dell’ennesima invettiva contro gli ebrei e in particolare contro Israele, nella quale si è ‘servito’ perfino della figura di Cristo per supportare le sue posizioni antisemite.

    Se Gesù fosse vivo oggi si sarebbe opposto alle potenze aggressive, violente ed espansioniste” ha detto Ahmadinejad con chiaro riferimento al governo israliano e alla potenze ‘filoisraeliane’. E a poco può essere servita l’introduzione che ha tracciato un rapido profilo del presidente iraniano e delle sue ‘relazioni’ con le potenze mondiali.

    Dure e immediate le critiche di Downing Street: “Il presidente ha pronunciato una serie di spaventose dichiarazioni antisemite” ha dichiarato un portavoce del ministero degli Esteri britannico precisando sì che “i media britannici sono liberi e hanno tutto il diritto di fare le proprie scelte editoriali, ma che questa scelta suscita indignazione non solo da noi ma anche nei paesi a noi vicini“.
    Non si è fatta attendere la reazione dell’ambasciatore israeliano a Londra, Ron Prosor, che ha definito “scandalosa” la scelta di Channel 4. Di certo l’iniziativa del canale britannico ha avuto una forte eco internazionale e sicuri rientri in termini di ascolti, ma oltre l’audience c’è di più.

    342

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI