Game Of Thrones rinnovato per una terza stagione

Game Of Thrones rinnovato per una terza stagione

    game of thrones

    HBO ha rinnovato Game Of Thrones per una terza stagione, la news è stata data pochi minuti fa su facebook e poi confermata via comunicato stampa ufficiale della rete: il rinnovo era (ovviamente) atteso, tanto più dopo gli ascolti record fatti registrare nella premiere e mantenuti nel secondo episodio: in media lo show è visto da 8.3 milioni di telespettatori (tra live, repliche, dvr e altri metodi di visione) e se continuerà nel trend di crescita mantenuto nel corso dei primi dieci episodi della prima stagione, supererà agevolmente la media di 9.3 milioni di persone a settimana registrata nel 2011 quando GoT, partita con 2.22 milioni di telespettatori e un rating dello 0.9, chiuse con 3.04 milioni di telespettatori e 1.4 rating.

    Game of Thrones avrà una terza stagione, una notizia attesa – nei giorni scorsi si parlava addirittura di un rinnovo biennale – e confermata pochi minuti fa da HBO: ‘David Benioff e D.B. Weiss hanno alzato al massimo le nostre aspettative per la seconda stagione e poi le hanno superate – scrive Michael Lombardo nella nota in cui si annuncia il rinnovo – siamo eccitati per il supporto che i telespettatori e i media danno alla serie, e non vediamo l’ora di sapere cosa Dan e David hanno in serbo per la prossima stagione‘.

    Basata sui romanzi di George R.R.Martin (la serie Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco), Game Of Thrones è ambientata nel fantastico mondo di Westeros, simile al nostro Medioevo dove le stagioni possono durare anni e dove l’inverno che sta arrivando dopo anni di autunno è reso ancora più ‘complicato’ dallo spettro di una guerra devastante tra i Sette Regni. In questa seconda stagione – che in Italia arriverà su Sky Cinema 1 dall’11 maggio – scopriamo come a King’s Landing il trono è occupato dal giovane crudele Joffrey (Jack Gleeson), consigliato da suo madre Cersei (Lena Headey) e da suo zio Tyrion (Peter Dinklage), che è anche Primo Cavaliere del Re: il dominio dei Lannister è però minacciato da molti aspiranti al trono, incluso Robb Stark (Richard Madden), figlio di Ned che vuole l’indipendenza del Nord e che ha fatto prigioniero Jaime (Nikolaj Coster-Waldau), fratello della regina, da Stannis Baratheon (Stephen Dillane), che si allea con la sacerdotessa Melisandre (Carice van Houten) non riconoscendo in Joffrey l’erede di suo fratello Robert, e Renly (Gethin Anthony), fratello di Stannis anche lui con mire su King’s Landing. E mentre i Sette Regni si preparano alla guerra tra loro, non devono dimenticare minacce esterne, tra cui Daenerys Targaryen (Emilia Clarke) e i suoi tre draghi e le creature che vivono al di fuori della Barriera.

    Dopo la prima stagione incentrata su A Game of Thrones, la seconda stagione di GoT segue gli eventi narrati in Il regno dei lupi e La regina dei draghi (A Clash of Kings), mentre terza e quarta stagione, se le indicazioni fornite lo scorso anno dagli autori rispondono a verità – sarà incentrata su A Storm Of Words, un libro che in inglese è lungo quasi mille pagine e che in italiano è stato diviso in tre libri, Tempesta di spade, I fiumi della guerra e Il portale delle Tenebre.

    A Storm of Swords è troppo lungo per essere compresso in una sola stagione da 10 episodi – spiegava Weiss nei giorni scorsi – e come i lettori sanno, A Feast for Crows e A Dance with Dragons [in italiano divisi in cinque volumi, Il dominio della regina, L’ombra della profezia, I guerrieri del ghiaccio e I fuochi di Valyria, già usciti o in procinto di…; e La danza dei draghi, non ancora tradotto, ndr) sono ambientati nello stesso periodo di A Storm of Words, per cui dovremmo unire tutto insieme: il piano, se saremo abbastanza fortunati da vederlo realizzare, è quello di usare quante più stagioni possibile per raccontare la storia rendendo merito al lavoro straordinario di George‘.

    707

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI