Gabriele Paolini irrompe a Porta a Porta: ‘Berlusconi ha un pisellino’

Gabriele Paolini irrompe a Porta a Porta: Berlusconi ha un pisellino

da , il

    Gabriele Paolini inaugura la prima puntata di PrimaSerata, ovvero il Porta a Porta da prime time che vede finalmente Vespa agguantare la prima serata di RaiUno. Paolini approfitta del bailamme politico per sostare davanti ai palazzi della politica per infelicitare il colegamento di qualche inviato e sulla sua ‘strada’ trova le telecamere di Porta a Porta. La gag con Vespa ormai è vecchia: Bruno non gli dà corda, Paolini ne approfitta per avvicinarsi al microfono e lanciare qualche suo slogan. Quello di stasera è: Berlusconi ha un pisellino. La strategia di Vespa è sempre vincente: lo irride.

    Ma Paolini, ancora a fare queste cose, c’hai un’età…: con un sorrisetto beffardo sul volto, Bruno Vespa irride Gabriele Paolini al suo ennesimo raid verso una sua inviata. Il disturbatore più attivo della tv italiana prima si limita a comparire, modello avvoltoio, alle spalle dell’inviata, poi lancia il suo slogan, mentre Vespa dallo studio lancia alla sua giornalista il suo solito consiglio: Su, dagli un calcio, come fece la buonanima di Frajese.

    L’inviata si gira e pochi istanti dopo compare un carabiniere che allontana con forza Paolini dall’inquadratura.

    Evidentemente Paolini si è ripreso dalla testata di Fabrizio Summonte del Tg5 e gode ormai di ottima salute. Altrettanto evidente che non teme altre denunce per interruzione di pubblico servizio, come quella mossagli da Mediaset qualche giorno fa.

    Tra un disturbatore e un battibecco tra Rosy Bindi e Ignazio La Russa, Porta a Porta trova anche il tempo e il modo per qualche gag: Vespa si siede tra Bindi e Di Pietro (mai tanto rilassato ora che Berlusconi è vicino alle dimissioni) e La Russa si dice ‘deluso’: Anche lei con loro [della sinistra]? Da lei non me lo aspettavo, dice La Russa, interrotto quindi da Di Pietro: Ma lo sai che Vespa sta sempre col Governo. Chiosa Vespa: Questa è la terza camera del Parlamento? E allora un po’ di rispetto per le istituzioni, dice scherzando. L’incidente Paolini è rapidamente archiviato.