Funari resta, cambia titolo e autore

Funari toppa per la seconda volta consecutiva, ma nessuno molla: il programma cambierà autore e titolo, ma andrà avanti

da , il

    Funari e Del Noce

    Del flop di Gianfranco Funari con Apocalypse Show avevamo già parlato in occasione della prima puntata.

    La seconda non è andata meglio: 12,6% di share, 2.534.000 spettatori, record negativo di Raiuno, comunque non un risultato degno dell’ammiraglia Rai, ancora peggiore se si considera che La Corrida in onda su Canale 5 ha fatto il record del 43%.

    Il risultato è ancora peggiore se si pensa che Rai Uno ha perso lo zoccolo duro dei suoi fan, il pubblico anziano (che stando alle rilevazioni ha visto in massa il programma condotto da Gerry Scotti), e che rispetto alla prima puntata ha visto un calo del pubblico medio alto sia culturalmente che economicamente.

    Eppure, a dispetto di quanto successo a Simona Ventura con Colpo di Genio (che aveva fatto di meglio, registrando nella prima puntata uno share pari al 17,64% e nella seconda del 14,90%), nessuno vuole mollare: non il direttore di Fabrizio Del Noce né vicedirettore generale Giancarlo Leone, che hanno riconfermato la fiducia a Funari, non Funari.

    Secondo Del Noce: «Il programma ovviamente continuerà, eravamo e siamo consapevoli delle difficoltà che avremmo incontrato cercando di coniugare in prima serata il linguaggio del varietà con quello dei contenuti e della riflessione. Anche se il risultato al momento non ci premia continuiamo a credere che sia necessaria la sperimentazione. L’innovazione richiede tempo e abbandonare subito la strada sarebbe la via più facile, ma precluderebbe la possibilità di includere nella programmazione qualità e contenuti».

    Quanto a Funari, per ora l’innovazione sta tutta nei cambi di autore e titolo: via Cugia (che pure era stato “l’inventore” di Apocalypse Show), via “Apocalypse Show”: le prossime quattro puntate del programma si chiameranno “Vietato Funari”. Il posto di Cugia invece sarà preso da Giampiero Solari, uno dei tanti “talenti” targati Ballandi, autore e/o ideatore di programmi come Stasera pago io e Stasera pago io…revolution (Fiorello), e di Francamente me ne infischio (con Adriano Celentano).