Fringe, un video per scongiurare la maledizione del venerdì

FOX ha diffuso un video ironico dove 'smentisce' di voler cancellare Fringe piazzandola al venerdì

da , il

    Fringe al venerdì significa che la serie è morta? Solitamente i network non rispondono a questa accusa (perché è vera; basti pensare a Firefly – peraltro titolo del prossimo titolo di Fringe; Terminator: The Sarah Connor Chronicles e Dollhouse), ma nel caso della serie create da JJ Abrams ha deciso di assicurare i fan con un video sarcastico che si fa beffe dei siti specializzati che predicono la morte dello show.

    La terza stagione di Fringe ritornerà sugli schermi FOX venerdì 21 gennaio (e non il 28), un slot usualmente considerato sintomo di cancellazione: una ricostruzione smentita sia da FOX che dai produttori nei giorni scorsi, che anzi avevano guardato al venerdì come ad una possibilità tutta da scoprire e conquistare. Gli ‘uccellacci’ del malaugurio – ma anche i fan apprensivi che hanno creato decine di pagine su Facebook – non si sono però placati, di qui la decisione della rete di ribattere col sarcasmo.

    Ed ecco quindi il video creato da Ari Margolis, che contiene le previsioni di blog famosi (tipo Collider ed il suo “una messa in onda al venerdì significa l’inizio della fine per qualsiasi serie”), la replica di FOX (“Forse pensate che il venerdì sia un giorno morto…ma noi lo rianimeremo”, riferimento al nono episodio della terza stagione, Marionette) ed un montaggio in cui i vari personaggi della serie parlano di morte.

    Dean Norris, vicepresidente al marketing, spiega di aver concepito dopo che il trailer cinematografico per Entrada era diventato un tormentone in tutti i social network: “I fan ci chiedevano come era possibile fare un promo così bello per uno show che stavamo ammazzando. Quando abbiamo letto queste cose, abbiamo deciso che dovevamo rispondere”.

    Come già ribadito dai produttori, anche Norris spiega che grazie a Fringe FOX tenterà di ridare ‘dignità’ al venerdì: “Proporremo Fringe come un frutto proibito, vogliamo che i teenager che al momento non sono la nostra audience dicano ‘questo è uno show che i genitori vorrebbero non guardassi, ma io lo guarderò lo stesso’”. E per sapere se l’esperimento funziona, basta aspettare il 21 gennaio.

    Il trailer ‘cinematografico’ di Entrada