Frammenti da oggi su Current: intervista a Tommaso Tessarolo

Inizia questa sera alle 22

da , il

    Inizia questa sera alle 22.00 su Current (130, Sky) Frammenti, la prima fiction crossmediale italiana e il primo titolo fictional per il social network di Al Gore targato Italia. Abbiamo iniziato a parlarne ieri ma oggi lo facciamo con Tommaso Tessarolo, General Manager di Current Italia.

    Ieri abbiamo tracciato un primo schizzo di Frammenti: un prodotto sicuramente innovativo nel panorama fictional italiano, non solo per la natura crossmediale del format, ma anche perché è il primo a organizzare un ARG per il mercato italiano. Eppure non sono state poche le perplessità da parte di Current Italia sulla messa in produzione di una fiction: la versione italiana del social network made in Usa, in realtà si è ormai smarcata dalla linea editoriale dell’’omologo’ americano, lasciando progressivamente la matrice, a volte un po’ confusa, dei liberi contributi provenienti dalla rete, per organizzare un palinsesto fondato su inchieste e reportage, docu-film e approfondimenti votati a temi solitamente ignorati dai canali tradizionali, ispirati allo slogan “vogliamo vedere” e così conoscere ciò che accade e che solitamente è taciuto.

    Ebbene l’arrivo in questo contesto di una fiction, prodotto/formato ancora soffocato da pregiudizi legati sostanzialmente al tipo di offerta in cui esso si declina nella nostra tv, è stato a lungo discusso a casa Current. Ne parliamo con Tommaso Tessarolo.

    Allora, Tommaso, come e quando è nata l’idea di Frammenti?

    Circa un anno e mezzo fa. Da tempo ormai ci siamo ‘smarcati’ dal modello Current Usa, offrendo un palinsesto più organico, meno ‘casuale’ di quello dettato dalla proposizione di Vc2 dedicati agli argomenti più disparati, e costruendo una linea editoriale votata al giornalismo d’inchiesta libero ed indipendente. In questo quadro, però, volevamo tentare qualcosa di nuovo e abbiamo pensato alla fiction.

    Un passaggio naturale, quindi?

    Non proprio, a dire il vero: a lungo ci siamo interrogati sull’’opportunità’ di inserire fiction nella nostra offerta. Il timore maggiore è che il nostro pubblico non approvi la scelta: ci siamo connotati sul factual, abbiamo ormai raggiunto una tale credibilità grazie alla qualità delle inchieste Vanguard e dei documentari che abbiamo acquistato e proposto al nostro pubblico che quest’ultimo potrebbe sentirsi disorientato di fronte all’offerta di una fiction.

    Ma è una fiction senza dubbio sui generis, unica nel nostro panorama…

    Sì, ed è stata una precisa scelta: se fiction dev’essere che sia legata a temi caldi della nostra società, improntata al verosimile e basata su un plot che ha il sapore delle nostre inchieste. In più senza tradire la vocazione transmediale della rete, che fonde da sempre web e tv. Così è nato Frammenti.

    Di chi è stata l’idea?

    Ci tengo a precisare che Frammenti è una creatura di Simone Sarasso, creata e realizzata da SHADO e LOG607, società nate in H-Farm a Treviso: Current ha esposto le sue esigenze e loro hanno realizzato questo prodotto, per il quale, come dicevamo prima, è stato necessario un anno e mezzo di lavoro: gli enigmi su cui si fonda la storia sono straordinari, non sempre ‘semplicissimi’ da risolvere, come potrete vedere. Loro si sono senza dubbio divertiti, noi anche: speriamo che lo faccia anche il pubblico.

    E il Letenox da dove nasce?

    Beh, anche quella è una creatura di SHADO e LOG607, un’invenzione che però è saldamente legata allo stato delle ricerche sul cervello umano. Da anni gli scienziati cercano di mettere a punto un farmaco che permetta di inibire alcune aree della nostra memoria, che possa essere di supporto a terapie psichiatriche o psicologiche per la rimozione dei traumi. Diversi centri di ricerca stanno compiendo esperimenti su cavie non umane, con risultati interessanti. Per noi il Letenox non è solo uno spunto narrativo, ma una vera e propria provocazione, capace di rendere il prodotto fictional uno strumento di riflessione: cosa potrebbe succedere se un sedativo memoriale cadesse nelle mani sbagliate, magari entrasse in possesso di centri di potere desiderosi di conformare la memoria collettiva al fine di manipolare la società? Frammenti è anche questo e in effetti il Letenox ha già dato i suoi risultati.

    Spiegati meglio…

    Da circa un mese su Current va in onda uno spot che promuove il Letenox e qualcuno l’ha preso per reale, costruendoci sopra articoli preoccupati per il futuro dell’umanità. Evidentemente non è servita la coda promozionale della fiction, volutamente realizzata in stile diverso dallo spot: il messaggio che è passato è che fosse prossimo l’arrivo di questo prodotto. In qualche modo, quindi, siamo riusciti a toccare un ’nervo scoperto’: il Letenox è verosimile, proprio in virtù di quel dibattito scientifico cui abbiamo fatto riferimento prima. Talmente verosimile da averci messo un po’ in crisi: quello che nel gergo degli Arg si chiama Rabbit Hole, ovvero la porta d’ingresso per il gioco (per Lost Experience era il sito della Oceanic Airlines, n.d.r.) e che per noi ha assunto la forma dello spot e del sito ufficiale del Letenox, è stato ‘scambiato’ per una vera pubblicità. Merito certo di chi l’ha realizzato, ma questo ci ha ulteriormente spinto a spiegare con chiarezza che si tratta di un ‘falso’ prodotto: lo vedrete nell’introduzione alla prima puntata che andrà in onda domani. Non vorremmo che si verificasse poi un effetto ‘Cacao Meravigliao’, che portò alla commercializzazione (poi bloccata, n.d.r.) di un prodotto col nome del finto sponsor di Indietro Tutta, più di 20 anni fa. Ecco perché siamo sempre molto attenti a dichiarare che si tratta di fiction, verosimile, provocatoria, sui generis, ma sempre fiction.

    Per il futuro quindi ancora fiction targata Current?

    Beh, vedremo: il punto è offrire sempre un prodotto in linea con la nostra filosofia. Se troveremo altri soggetti interessanti o prodotti realizzati in linea con le nostre esigenze e magari mai programmati sui ‘canali tradizionali’ per tematiche, linguaggio, stile, contenuto, allora perché no? Ma adesso siamo concentrati su Frammenti. Ci tengo a precisare che non è necessario partecipare attivamente all’Arg per seguire la serie: i telespettatori potranno tranquillamente godersi lo sviluppo della storia settimana dopo settimana senza trascorrere giornate alla ricerca della soluzione degli enigmi; ma per chi parteciperà sarà un’esperienza totalizzante e coinvolgente, lo possiamo garantire.

    Ultima domanda: avete già pensato a qualcosa per il 22.01.2010, data di rilascio del fantomatico Letenox?

    Ovviamente è top-secret…

    In bocca al lupo Tommaso! Grazie per la tua disponibilità e complimenti. Ci risentiamo per un bilancio.

    Grazie mille e crepi il lupo!

    Beh, noi chiudiamo invitando caldamente tutti i lettori di Televisionando a partecipare a Frammenti: farlo è semplice, basta iscriversi al sito frammenti.tv. Ma vi segnaliamo anche la pagina Facebook e anche un gruppo nato per combattere il Letenox. Noi ovviamente ci siamo già iscritti e siamo pronti a lanciarci nell’avventura. Seguiteci!