Flavio Insinna tratta con Canale 5 per il format de Il Braccio e la Mente

Flavio Insinna tratta con Canale 5 per il format de Il Braccio e la Mente

Flavio Insinna tra un nuovo game show e vecchi progetti

    FlavioInsinna@gerald Bruneau

    (Foto di Gerald Bruneau)
    Flavio Insinna si prepara a tornare in tv a quasi un anno dalla morte del papà, avvenuta lo scorso maggio, che l’ha decisamente spinto a prendersi una pausa dagli schermi tv per cercare conforto nella famiglia e dedicarsi alla scrittura di un libro col quale ha provato a ricostruire i fili del suo rapporto col genitore scomparso (Neanche con un morso all’orecchio). Ora, riuscito forse a elaborare il lutto, torna al lavoro: in cantiere una serie di progetti, che si scontrano con le esigenze di bilancio di Mediaset e con le linee editoriali della produzione. Insinna vorrebbe dare la propria impronta al gioco, ma il Biscione non sembra molto propenso. Un ‘tira e molla’ che ci ricorda il braccio di ferro tra Bonolis e Mediaset prima di Avanti un altro.

    Partiamo con quello che sembra il progetto più concreto al momento all’orizzonte: si tratta del game show Il Braccio e la Mente, destinato a prendere il posto di The Money Drop nel preserale di Canale 5 anche se non si sa bene a partire da quando. I palinsesti della primavera Mediaset (solitamente poco attendibili) parlano di un debutto dal 16 aprile, ma voci da Cologno Monzese parlano di uno slittamento in estate: un modo per lasciare a The Money Drop la chiusura della stagione tv e per riservare al nuovo game un test utile per successive collocazioni. Senza considerare che il game potrebbe essere congelato in attesa di tempi economicamente migliori, come accaduto per le fiction di punta della stagione, slittate al prossimo autunno.

    Fatto sta che il numero zero del nuovo game è stato registrato alla fine di febbraio e pare abbia soddisfatto la dirigenza Mediaset: in cerca di correttivi, invece, Insinna, che a Chi ha raccontato di essere ancora in trattative con Mediaset. ‘Abbiamo due visioni un po’ diverse. Se mi lasciano libero di adattare il format al mio gusto, alla mia personalità, al mio modo di interagire con i concorrenti, va bene, altrimenti non c’è alcun problema, siamo uomini liberi e amici come prima‘, dice Insinna.

    E la situazione ci ricorda qualnto avvenuto la scorsa primavera tra Bonolis e la produzione Mediaset per Avanti un altro: una serie di polemiche che Bonolis liquidò come un tentativo di far saltare il format, poi arrivato in tv quest’autunno.

    La struttura del gioco, al momento, prevede una coppia di concorrenti, tra cui uno è la ‘mente’, che deve scegliere al buio il partner in una rosa di quattro sfidanti. Il prescelto è il ‘braccio’. Insieme devono superare una serie di prove fisiche e intellettive, con la ‘mente’ impegnata a rispondere alle domande e il ‘braccio’ sottoposto alle prove più faticose.

    In ballo anche una nuova edizione de La Corrida: finora se n’è parlato ipotizzando un conduttore diverso da Insinna, ma l’attore si candida per una seconda esperienza. ‘Se si farà di nuovo mi farebbe piacere condurla…Ho alcune idee per qualche aggiustatina…‘, dice ancora Insinna a Chi. Nel frattempo in cantiere c’è anche una fiction: si tratta di una miniserie diretta da Fausto Brizzi, al suo debutto tv. Tanta carne al fuoco, quindi: speriamo non resti solo fumo.

    591

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI