FlashForward, se ne va anche David S.Goyer

FlashForward, se ne va anche David S.Goyer

Dopo l’addio del co-showrunner e produttore esecutivo Marc Guggenheim, adesso FlashfForward saluta pure David Goyer, che non sarà più lo showrunner anche se rimarrà in quale modo coinvolto nella serie, pur dedicandosi a film e regia

    FlashForward, se ne va anche David S.Goyer

    Non sappiamo prevedere il futuro né abbiamo avuto una vision da qui a maggio/giugno, ma se il buongiorno si vede dal mattino mi sa che ABC e chi lavora in “FlashForward” dovranno chiamare un esorcista, visto che dopo l’addio del co-showrunner e produttore esecutivo Marc Guggenheim adesso saluta pure David Goyer, che non sarà più lo showrunner anche se rimarrà in quale modo coinvolto nella serie, pur dedicandosi a film e regia.

    Salutata come l’erede di Lost (il primo promo fu trasmesso durante il centesimo episodio della serie di Cuse e Lindelof), FlashForward ha alternato episodi passabili ad altri proprio da cestinare e dei tre creatori originali, dopo l’addio di Guggenheim ad ottobre e quello di Goyer oggi, rimane solo Brannon Braga, con la consulenza di Robert J.Sawyer, autore del libro cui la serie è ispirata.

    Se l’addio di Guggenheim era in qualche modo giustificabile (Goyer aveva una limitata esperienza in tv, per questo ABC gli ha affiancato qualcuno che gli insegnasse come ‘muoversi’), lo sceneggiatore di Dark Knight fa sapere visti i suoi numerosi impegni si sente “tirato in troppe direzioni”, aggiungendo che è “fiero dello show ed eccitato per il suo rilancio, è in buone mani”.

    Non è chiaro chi sarà il nuovo showrunner di “FlashForward”, attualmente in fase di produzione degli episodi 17 e 18 su un ordine totale di 23; la serie – lo ricordiamo – tornerà il 18 marzo con i nuovi episodi, dopo essere stata in stop per tre mesi permettendo così una messa in onda senza pause e senza repliche da marzo in poi.


    Uno stop (che prima ‘risaliva’ al 4 marzo) determinato dalla volontà di ABC di evitare a FlashForward di scontrarsi con le Olimpiadi invernali in onda su NBC questo febbraio: lo stop – nelle intenzioni di ABC – dovrebbe anche permettere ai produttori di chiarirsi le idee su quale direzione creativa far prendere alla serie, nella speranza di far risalire anche gli ascolti, che dopo un inizio col botto sono andati in calando.

    449

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI