Firefly, i fan si organizzano per comprare i diritti dello show

I fans di Firefly hanno preso sul serio le parole di Nathan Fillion sul comprare lo show, lanciando un sito web e una pagina su facebook per dimostrare al capitano Mal il loro apprezzamento alla (scherzosa) proposta

da , il

    help nathan buy firefly

    I fans di Firefly hanno preso sul serio le parole di Nathan Fillion sul comprare lo show, lanciando un sito web e una pagina su facebook per dimostrare al capitano Mal il loro apprezzamento alla (scherzosa) proposta. Ricordiamo che l’attuale protagonista di Castle, una volta saputo che Firefly sarebbe tornato in tv, aveva detto ad EW.com che quello nella serie FOX è stato il suo miglior lavoro, e che se Castle chiudesse domani e vincesse alla lotteria, comprerebbe i diritti di Firefly e ne farebbe uno show da distribuire via internet.

    Nathan Fillion vorrebbe comprare i diritti di Firefly, ma ci riuscirà? L’attore aveva posto 300 milioni di dollari come cifra, ed i fan si sono organizzati – con un sito web e su facebook – per mostrare al Capitano Reynolds il loro supporto. All’idea si è entusiasmato anche Jose Molina, producer di Castle e Haven, nonché sceneggiatore di Firefly che via twitter ha scritto “per quello che vale, gli ho detto (a Fillion, ndr) che lascerei quello che sto facendo e lo seguirei“, un messaggio cui Jane Espenson, altra sceneggiatrice di Firefly e co-creatrice di Warehouse 13, ha risposto “ci sono anche io se necessario“.

    I responsabili di sito web e facebook ora come ora non accettano donazioni, solo un impegno formale, ma chissà che l’idea non prenda piede, per quanto – lo ripetiamo – l’uscita di Fillion non andava presa in senso letterale. Se tutte le cose cadessero per il verso giusto, comunque, secondo i calcoli di EW, potrebbero volerci meno di 300 milioni di dollari per comprare i diritti dello show (i diritti di Terminator sono stati venduti 30 milioni di dollari, ma lì i proprietari erano in bancarotta).

    Il piccolo problema? Una volta acquistati i diritti – e non è detto che 20th Century Fox voglia vendere una sua proprietà a qualcuno che la rifaccia para para – servirebbero un mucchio di soldi per produrre un nuovo show, senza contare i contratti che legano i protagonisti ad altri network. Insomma, molto più probabile che più che una seconda stagione di Firefly si faccia in realtà un reboot dello show, anche se altre esperienze simili hanno mostrato che la mobilitazione dei fan non porta a grandi…che Firefly sia pioniera in questo? Per saperlo, basta solo attendere…