Fiorello saluta RaiUno con Benigni, Mazza pensa al 50% di share

Fiorello saluta RaiUno con Benigni, Mazza pensa al 50% di share

Stasera l'ultima puntata de Il più Grande Spettacolo dopo il Weekend, con Fiorello pronto a duettare con Benigni

da in Fiorello, Il Più Grande Spettacolo Dopo il Weekend, Roberto Benigni, Mauro Mazza
Ultimo aggiornamento:

    Terza puntata della trasmissione "Il più grande spettacolo dopo il weekend"

    Ultima puntata questa sera per Il Più Grande Spettacolo dopo il Weekend: Fiorello saluta il pubblico di RaiUno con Roberto Benigni e Mauro Mazza, direttore dell’Ammiraglia Rai, già gongola per i risultati d’ascolto. Dopo un 43% di share è difficile fare di più, ma esaltato dal trend registrato da Fiore nelle prime tre puntate Mazza si sbilancia: Mi aspetto un numero che si avvicini di più al 50% piuttosto che al 40% di share. Fiorello si sarà certo concesso qualche gesto apotropaico.

    Fiorello è impegnato nelle estenuanti prove a Cinecittà, ma tramite Twitter aggiorna i suoi followers su quanto accade ‘dietro le quinte’ dell’ultima puntata de #ilpiùgrandespettacolodopoilweekend. Entusiasta dei pezzi provati con Jovanotti, atteso ospite della quarta e ultima puntata, anticipa che darà vita con l’amico a una gag a base di Twilight. Fiore/Edward trasformerà anche Jova in un vampiro, per la precisione nel suo antagonista Jasper. Ma per quanto ci si possa immaginare dai racconti su Twitter non vediamo l’ora di vederli all’opera. Sul palco con Fiore anche Pippo Baudo, Roberto Bolle, Malika Ajane e i Cluster.

    Spazio anche per il tradizionale appuntamento con la rassegna stampa mattutina e tra una prova e una riunione con gli autori c’è anche il tempo per ‘cazzeggiare’ con Marco Baldini: da non perdere l’intervista di Baldini al ‘destino’, postata ieri sul social network più amato da Fiorello.



    Intanto Mauro Mazza, ospite sabato pomeriggio di Tv Talk, non nasconde la speranza di un ultimo, incredibile, boom di ascolti per Il Più Grande Spettacolo dopo il Weekend. Alla luce della progressione, dell’ascesa continua dei risultati delle prime tre puntate mi aspetto un numero che si avvicini di più al 50% piuttosto che al 40% di share, dice Mazza che alla vigilia sperava in un 30% di share e che è stato piacevolmente travolto dall’oltre 40% medio di share registrato nelle prime tre puntate dello show di Fiore.

    Mazza celebra il successo di Fiore come una vittoria della Rai da ‘servizio pubblico’: Il dovere di una rete come RaiUno è quello di fare una programmazione con un livello qualitativo più alto possibile, ha aggiunto il direttore sempre a Tv Talk. Ovviamente avere un evento, che in questa stagione èstato quello di Fiorello e che sarà Sanremo nell’anno che comincia, illumina un pò tutto il resto: lo provano i dati d’ascolto delle sere che gli gravitano intorno. Dobbiamo creare un evento di intrattenimento ad ogni stagione, due all’anno. Un fenomeno che diventa evento che ricorda la tv del canale unico, quando tutti vedevano la stessa cosa e il giorno dopo si parlava dello stesso programma che tutti avevano visto. Obiettivo ambizioso, che rischia di restare lettera morta, visto che quella tv non c’è più e che Fiorello è un caso più unico che raro. In più Fiore ha già annunciato l’addio alla tv, almeno per un po’. Tolto Sanremo, strettamente legato alla forza dei suoi autori e dei suoi conduttori, cosa si può creare? L’unica chance già testata, Vieni Via con Me, è stata ‘regalata’ a La7…

    Intanto godiamoci l’ultima di Fiorello.

    627

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FiorelloIl Più Grande Spettacolo Dopo il WeekendRoberto BenigniMauro Mazza