Fiorello e il video-messaggio di Berlusconi: ‘De Benedetti accetterà i ticket del ristorante?’

Fiorello e il video-messaggio di Berlusconi: ‘De Benedetti accetterà i ticket del ristorante?’

Fiorello imita Berlusconi in un video-messaggio in cui il leader del Pdl parla (per finta) della sentenza sul lodo Mondadori

    Fiorello ha diffuso oggi un video-messaggio di Silvio Berlusconi ri-doppiato tutto da ridere. Nei giorni in cui si fa un gran parlare della possibilità che il leader del Pdl invii alle televisioni un video-messaggio in cui fa il punto della situazione (personale e politica), lo showman siciliano ne approfitta e, cogliendo la palla al balzo, anticipa tutti. Come? Immaginando un possibile discorso di Berlusconi, naturalmente esilarante.

    Il punto di partenza di Fiorello non può che essere la notizia del giorno, vale a dire la decisione sul lodo Mondadori che impone a Silvio Berlusconi di risarcire Carlo Benedetti con una cifra che si aggira attorno al mezzo miliardo di euro. “Cari italiani, ma soprattutto care italiane, sono io, il vostro Silvietto. non me ne va bene proprio una. Incredibile. Devo dare 494 milioni a quel gran pezzo di mer…, a quel gran pezzo di mer…avigliosa persona che è De Benedetti“.

    Già, ma quali modalità di pagamento potranno essere scelte? Il Berlusconi imitato da Fiorello ha più di un dubbio: “Ora, da voi italiani voglio sapere una cosa: si potrà pagare col Bancomat? De Benedetti accetterà i ticket del ristorante? Il baratto è legale? Potrei dargli Kakà o in alternativa mandarlo a kakà. Ma come si fa? Ma non bisogna perdere la pazienza, bisogna usare la testa. Usarla bene con i magistrati: se ne incontro uno, gli parto di capoccia“. Non può mancare, evidentemente, un riferimento a uno dei cavalli di battaglia del Cavaliere: la lotta contro la magistratura.

    Prosegue il Silvio infuriato, sempre doppiato da Fiorello.

    E i miei che cosa fanno? Parlano. L’Alfano parla, lo Schifani parla… Adesso basta: tolgo il guinzaglio al Brunetta e alla Pitonessa e li scateno. Mi girano le balle, sono incazzato. Cambierò persino il nome al mio allenatore, da Allegri a Incazzato. Sono incazzato nero. Sono così nero che la Kyenge ha preso le mie difese e Bossi mi ha chiesto se avevo il permesso di soggiorno“.

    Il finale, in apparenza assurdo e paradossale (ovviamente in chiave comica), potrebbe non risultare molto differente dalla realtà. Fiorello-Silvio chiede ai telespettatori: “Amici, volevo chiedervi una cosa, l’ultima cosa prima di lasciarvi: ma in Lettonia, c’è l’estradizione?“.

    Insomma, un video da non perdere, per provare a guardare con occhio diverso e disincantato le vicende che stanno decidendo i destini dell’Italia in queste settimane.

    432

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Fiorello

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI