Fiducia Governo, rissa alla Camera durante il voto (video)

Sfiorata la rissa alla Camera durante il voto di fiducia al Governo Berlusconi

da , il

    In una due giorni tesa e convulsa come quella che si è conclusa oggi con la fiducia al Governo Berlusconi espressa da Senato e Camera, non poteva mancare una rissa nelle aule del Parlamento. A dare spettacolo questa volta ci hanno pensato alcuni deputati del FLI e della Lega durante la prima chiama al voto: la deputata di Futuro e Libertà, Katia Polidori, vota a favore del Governo e si scatena la bagarre. In alto il video della rissa alla Camera.

    Il ripensamento di alcuni deputati finiani, che hanno finito per votare la fiducia al Governo Berlusconi, ha scaldato gli animi nelle aule di Camera e Senato, impegnate oggi nelle votazioni dopo la giornata di ieri dedicata ai discorsi del premier e alle discussioni. Mentre Futuro e Libertà si lecca le ferite e il Governo Berlusconi festeggia la vittoria – che però presenta problemi di governabilità dato il margine risicato alla Camera -, impazza sul web il video della rissa sfiorata a Montecitorio durante la prima chiama al voto dei deputati.

    A scatenare la bagarre, che ha costretto il Presidente della Camera Fini a sospendere la seduta per alcuni minuti, è stato il voto a favore del Governo Berlusconi espresso dalla finiana Polidori, accompagnato da cori di giubilo da parte del centro-destra e invettive pesanti dagli (ex) colleghi di Futuro e Libertà. Un’offesa partita dai banchi della destra nei confronti della ‘traditrice’ ha spinto un deputato della Lega a scagliarsi contro un collega del FLI e da lì, a domino, sono state decine le persone coinvolte.

    L’ennesimo indecoroso spettacolo che viene dagli scranni del Parlamento, lasciatosi andare a cori da stadio all’annuncio della vittoria del Governo: sarebbe successo lo stesso se le mozioni di sfiducia fossero state approvate e a maggior ragione si avverte un profondo senso di tristezza. I padri Costituenti si staranno rivoltando nelle tombe da tempo, ormai.