Fiction Rai, Lo Scandalo della Banca Romana

Fiction Rai, Lo Scandalo della Banca Romana

RaiUno trasmette stasera, domenica 17 gennaio, e domani la miniserie in due parti Lo Scandalo della Banca Romana

    RaiUno propone questa sera, domenica 17, e domani la miniserie in due parti Lo Scandalo della Banca Romana, una ricostruzione del ‘primo’ intrigo politico-economico dell’Italia appena unificata. Una storia esemplare da cui sembra, però, che le classi politiche e le Elites finanziarie non abbiano imparato molto. Tra i protagonisti Beppe Fiorello, nel ruolo di un giornalista chiamato a seguire il caso, e Lando Buzzanca, cui è affidato anche il martedì fictional della Rai con Io e Mio Figlio – Nuove Storie per il Commissario Vivaldi.

    Dedico la mia fiction a tutti i politici e consiglio loro di guardare attentamente i colleghi del passato“: così Beppe Fiorello ha invitato la classe politica italiana a seguire Lo Scandalo della Banca Romana, miniserie in due parti diretta da Stefano Reali in onda stasera e domani su RaiUno che ricostruisce il ‘crack’ dell’istituto di credito, ex Banca dello Stato Pontificio, che trascinò con sé migliaia di piccoli risparmiatori e svelò una rete di collusioni politiche-finanziarie che travolse il Governo Giolitti tra il 1889 e il 1893.

    Una storia certo attuale, come sottolinea sempre Beppe Fiorello che definisce la fiction “una copia da carta carbone dell’attuale situazione italiana e mondiale, in cui capita che la politica faccia l’occhiolino all’economia sporca e al malaffare. Ieri come oggi, quando c’è un crollo, tutti alzano le braccia dicendo che è colpa del sistema. Io spero che questa fiction dia la possibilità ai politici di non cadere negli stessi errori. Molti si indigneranno per il parallelismo, – chiude Fiorello – ma la voce più giusta sarà quella del pubblico, che riconoscerà l’attualità della fiction“.

    Fiorello interpreta il ruolo di Mattia, giovane giornalista siciliano che si trasferisce a Roma per lavorare in un grande giornale dove trova l’appoggio e il sostegno del direttore Claudet, interpretato da Vincent Perez. Ben presto, però, Mattia capirà di essere parte di un complesso ingranaggio fatto di corruzione e asservimento al potere.

    Lo Scandalo della Banca Romana è la madre di tutti gli scandali finanziari del secolo scorso e del nuovo millennio – ha detto il regista Stefano Reali – Abbiamo raccontato la verità su personaggi come Crispi e Giolitti che sono usciti illibati da un processo in cui erano pesantemente coinvolti”.

    Nel cast troviamo Andrea Osvart, nella parte di Renata, bellissima donna di potere, e Lando Buzzanca in quella di Bernardo Tanlongo. La miniserie, nata da un’idea di Alessandro Jacchia con soggetto di Luigi Calderone, Laura Ippoliti e Andrea Purgatori e la sceneggiatura di Laura Ippoliti, Andrea Purgatori e Stefano Reali è una coproduzione RaiFiction e Albatross Entertainment, la stessa produzione de La Vita Rubata. In basso il backstage.

    582

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI