Fiction: Gabriel Garko sarà Rodolfo Valentino

Fiction: Gabriel Garko sarà Rodolfo Valentino

Gabriel Garko si prepara a vestire i panni di Rodolfo Valentino in una miniserie biografica scritta da Teodosio Losito per Ares Film e Mediaset Fiction: un progetto nato dall'amore di Garko per il mito del cinema muto

    Gabriel Garko Rodolfo Valentino

    Gabriel Garko si prepara a vestire i panni di Rodolfo Valentino in una miniserie biografica in due parti prodotta da Ares per Fiction Mediaset: l’eroe’ della media serialità di Canale 5, quindi, è pronto a misurarsi con il latin lover che negli anni Venti fece impazzire le donne di mezzo mondo, conquistando il cinema americano. La miniserie andrà in onda nella prossima stagione, ma non è ancora stato deciso il regista. Quel che importa è il protagonista.

    Gabriel Garko sarà Rodolfo Valentino: per il protagonista de Il Peccato e la Vergogna, vero trionfo della prima parte dell’Autunno 2010, un ruolo senza dubbio adatto per esaltare l’allure di tombeur des femmes che l’attore nostrano ha ormai per il pubblico femminile.
    La miniserie su Rodolfo Valentino, due puntate per Mediaset prodotte dalla Ares Film di Teodosio Losito, si girerà tra l’Italia e l’America a maggio, dopo che Garko avrà terminato con Manuela Arcuri la serie tv Bang Bang in cui, passamontagna nero, gilet e pistola, interpreta per sei puntate un rapinatore che si muove nell’Italia a cavallo tra gli anni ’50 e ’60.
    La fiction ripercorrerà l’eccezionale vicenda di Rodolfo Guglielmi, nato a Castellaneta, vicino Taranto, nel maggio 1895 e arrivato a conquistare l’America e Hollywood, diventando il simbolo del latin lover nell’epoca del cinema muto, ma scomparve prematuramente, a soli 31 anni, circostanza che finì per consacrarlo nell’empireo dei miti del cinema.

    E’ un personaggio rischioso, mi ci giocherò tanto della credibilità acquisita però la sfida è proprio questa, e per la prima volta interpreterò qualcuno esistito veramente“, ha detto Gabriel Garko all’Ansa. A preoccupare l’attore italiano soprattutto la gran capacità di Valentino nel ballo, che sarà costretto a imitare; non teme invece di misurarsi con lo sguardo magnetico di Rodolfo Valentino: “Ci metterò del mio“, dice Garko che si dice affascinato da questa figura che ha attraversato il tempo e conquistato mezzo mondo.
    Mi interesa il suo essere mito – dice Garko – E’ nato in un piccolo centro della Puglia ed è arrivato al top del cinema in America. La sua forza era la sensualità. Interpretarlo era un mio sogno nel cassetto e lo realizzeremo con cura particolare: ho chiesto alla produzione un po’ di tempo per prepararlo davvero bene.

    Non voglio deludere“.
    Lo conforta il produttore/seneggiatore Teodoro Losito, ormai alter ego del Garko fictional: “Le sceneggiature della miniserie sono già pronte: questo è un progetto che lo stesso Gabriel accarezza da 10 anni e che ci trova entusiasti. Tanti hanno immaginato di portare sul piccolo e grande schermo Rodolfo Valentino, ci riusciremo noi. E l’entusiasmo è massimo“.

    Considerata la firma (Losito) e la casa di produzione (Ares Film, che ha sostituito la Janus), con il suo archivio di produzioni melò (da L’onore e il rispetto e Il Peccato e la vergogna) il rischio di una biografia estremamente romanzata e tendenzialmente ‘trash’ può essere dietro l’angolo. Ma Losito stigmatizza le tante critiche piovutegli addosso negli ultimi tempi, bollandole come segni di invidia: “L’invidia per chi ha successo regna sovrana. Noi ci mettiamo passione e cura, i risultati sono nei numeri alti della nostra platea. E proprio per questo successo abbiamo accelerato sull’ambizioso Valentino. E’ un regalo a Garko e un regalo che ci facciamo come produzione“.

    Ancora da definire il cast, che vedrà ben sette bellezze femminili, sostanziali nella vita di Valentino; resta da decidere anche il regista. Ma il progetto è a buon punto e le riprese partiranno nella prossima primavera.

    656