Fiction a confronto:Garko/Arcuri vs Insinna/Filangieri

Fiction a confronto:Garko/Arcuri vs Insinna/Filangieri

Ideale confronto tra due coppie delle attuali fition tv

da in Canale 5, Fiction italiane, Flavio Insinna, Gabriel Garko, Mediaset, Rai, Rai 1, canale5, Manuela-Arcuri
Ultimo aggiornamento:

    christiane-filangieri-ho-sposato-uno-sbirro.jpg

    Fiction e confronto, la coppia targata Rai, Insinna/Filangieri vs quella Mediaset Arcuri/Garko. Fiction buoniste e fiction demoniache, fiction recitate e fiction balbettate, tutto questo poco importa, si gioca esclusivamente sul filo del rasoio degli indici d’ascolto la lotta delle fiction televisive. Nulla a che vedere con il prodotto, il pubblico le fiction le giudica di pancia. Dimostrazione principe è lo straordinario successo del Peccato e la Vergogna, mal recitata, brutta storia, con due assi nella manica che sono però anche due sassi in quanto ad espressioni, due bellissimi, Manuela Arcuri e Gabriel Garko, che ricordano gli attori dei fotoromanzi e sarebbe una salvezza per tutti se recitassero in silenzio…

    Ancora una volta, ci troviamo in perfetto accordo con quanto affermato nei giorni scorsi da Aldo Grasso, a proposito del successo del Peccato e la Vergogna che si spiega solo con una perversione: più un programma è brutto, più sembra impossibile distaccarsene. E così, se la coppia Arcuri/Garko impersona il diavolo, nel senso che propone, oltre a non saper recitare, anche un’immagine di amore sempre e soltanto devastante, negativo, tragico, al punto di diventare farsesco e trash, quella proposta dalla concorrenza, e per la precisione da RaiUno, impersona perfettamente l’acquasanta, risultando diametralmente opposta all’altra.
    Parliamo di Flavio Insinna e Christiane Filangieri,moglie e marito poliziotti, sempre in bilico tra lavoro e sentimento, nella seconda serie di Ho sposato uno Sbirro. La coppia televisiva di RaiUno, già nella prima serie ci aveva abituati all’immagine solare e tenera di due persone che, tra una lite e l’altra si amano, si coccolano, fanno progetti e si divertono . E forse, si sono divertiti davvero mentre giravano i nuovi episodi di Ho Sposato uno Sbirro, Christiane e Flavio, il risultato è nella freschezza e nei ritmi veloci di una fiction che ha il merito di essere una specie di oasi di serenità in un palinsesto che non trova pace e che propone prodotti di livello qualitativo molto modesto, come nel caso del Peccato e la Vergogna.
    I protagonisti di Ho sposato uno Sbirro sono apparsi in sintonia e ben calati nei loro personaggi. La fiction di RaiUno non delude, magari ha il difetto di essere troppo uguale a se stessa, ma il pregio di avvalersi di attori che la recitazione la masticano. Flavio Insinna, pur puntando troppo sulla dimensione brillante, dimostra una certa maturità e diverte sempre, soprattutto intenerisce quando si trova a recitare, davanti alle due piccolissime bambine, la parte del papà premuroso.

    Christiane Filangieri, nonostante le sua aria un po’ snob, regge bene la parte.
    A rendere gradevole la fiction, che vuole soltanto avere la pretesa di distendere e rilassare, ci sono una serie di nomi interessanti, da Antonio Catania, nel ruolo del poliziotto braccio destro di Santamaria/Insinna fino alla Ralli e alla Bouchet divertenti e tenere nonne, certo, meno graffianti e interessanti della mitica nonna Clelia di Tutti Pazzi per Amore alias Piera Degli Esposti, ma altrettanto efficaci nell’interpretazione. Glissiamo, invece, su Luisa Corna che in quanto a recitazione, lascia molto a desiderare, ma non si può avere tutto. Le due coppie, il diavolo e l’acquasanta si sono sfiorate nella serata di giovedì perché, mentre su RaiUno stava finendo il secondo episodio di Ho Sposato uno Sbirro, su Canale5 stava iniziando la replica della puntata, andata in onda la sera prima, del Peccato e la Vergogna, rendendo il confronto ancor più stridente, una vera chicca. Statici, plastici e patinati Arcuri e Garko, vivaci, poco glamour, ma veri, Insinna e la Filangeri, un confronto che non dovrebbe lasciare dubbi, eppure si sa, inspiegabilmente, il diavolo piace sempre un po’ di più…

    691

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Canale 5Fiction italianeFlavio InsinnaGabriel GarkoMediasetRaiRai 1canale5Manuela-Arcuri