Festival di Sanremo 2014, oscuramento RaiWatch non ferma Brunetta: ‘Trasparenza’

Festival di Sanremo 2014, oscuramento RaiWatch non ferma Brunetta: ‘Trasparenza’

Sanremo 2014, dopo l'oscuramento di RaiWatch, Renato Brunetta torna all'attacco di Fabio Fazio

da in Attualità, Fabio Fazio, Festival di Sanremo 2014, Rai
Ultimo aggiornamento:

    Brunetta da Fazio

    Il mio obiettivo è @SanremoRai. Voglio sapere come sono pagate le star di Sanremo. La mia colpa è voler fare trasparenza‘. Renato Brunetta non molla l’osso sui compensi dei conduttori Rai, e a poche ore dall’oscuramento del sito RaiWatch, in cui il parlamentare di Forza Italia monitorava Viale Mazzini e i compensi delle star della tv di Stato, torna ad attaccare il suo bersaglio preferito, Fabio Fazio e Sanremo 2014. Come spiega La Repubblica, i giudici non impediscono a Brunetta ‘di fare la pulci alle reti pubbliche, ma valutano solo il sito e la sua capacità di ledere le prerogative industriali di Viale Mazzini [...] L’ordinanza — oltre ad oscurare il sito e ogni diramazione sui social network — trasferisce alla tv di Stato la proprietà provvisoria del dominio Raiwatch.it‘.

    Brutto risveglio stamattina per Renato Brunetta, cui un giudice di Bologna, su richiesta di Viale Mazzini, ha oscurato il sito RaiWatch, lanciato lo scorso settembre per raccogliere le segnalazioni degli ‘abbonati che sono in prima fila e con diritto di parola‘. Da tempo il parlamentare forzista, anche membro della vigilanza Rai, ha intrapreso una crociata contro i compensi milionari di alcuni conduttori RAI, e almeno a giudicare dalla prima reazione, l’oscuramento di Rai Watch lo ha reso solo più combattivo. (Continua dopo la gallery)

    Nel mirino, insomma, finiscono il Festival di Sanremo e il suo conduttore Fabio Fazio, per cui Brunetta sembra avere una vera e propria fissazione: ultima uscita in materia (per ora…) quella del 10 gennaio, quando il parlamentare – nel commentare la sua vittoria: la Rai comunicherà al Dipartimento della funzione pubblica della presidenza del Consiglio e al ministro dell’Economia e delle finanze, il costo annuo del personale utilizzato – aveva espresso l’augurio che ‘al più presto il dipartimento della Ragioneria generale dello Stato e il dipartimento della Funzione pubblica della presidenza del Consiglio possano elaborare modalità di attuazione della legge che consentano, magari già nelle prossime settimane, di rendere finalmente noti i compensi elargiti dalla Rai, a partire proprio da quelli che verranno percepiti dai conduttori del prossimo Festival‘, ossia Fabio Fazio e Luciana Littizzetto.

    Ma la polemica è esplosa nello scorso ottobre, quando Brunetta aveva scritto alla Vigilanza ritenendo anomalo che il contratto di Fazio fosse stato rinnovato nove mesi prima della scadenza (allora prevista nel giugno 2014), chiedendo di chiarire la tipologia del nuovo contratto in esclusiva tra Fazio e la Rai e rendere noto, ufficialmente, l’ammontare del compenso triennale previsto per il conduttore.

    Scriveva Brunetta:

    ‘Fazio ha un contratto triennale con la Rai, con scadenza il 30 giugno 2014, che prevede un compenso di 2 milioni di euro annui. Nelle scorse settimane il direttore di Rai Uno, Giancarlo Leone, ha ufficialmente confermato Fabio Fazio e Luciana Littizzetto per la conduzione dell’edizione 2014 del Festival di Sanremo che, come consuetudine, andrà in onda nel prossimo mese di febbraio [...] Secondo notizie pubblicate dai principali organi di stampa, lo stesso Fazio avrebbe imposto un rinnovo anticipato del contratto garantendosi una vera e propria blindatura e subordinando ad esso la conduzione del prossimo Sanremo. L’eventuale conferma di questa circostanza, si configurerebbe come una gravissima forzatura del conduttore nei confronti della Rai, poiché Fabio Fazio risulta già legato contrattualmente alla Rai fino al giugno 2014, cioè ben oltre il periodo di messa in onda della prossima edizione del Festival di Sanremo’

    I due si erano anche scontrati pubblicamente a Che Tempo che Fa, programma peraltro nelle ultime settimane criticato da Brunetta perché troppo ‘filo renziano‘:

    Dovremo aspettarci un Renato Brunetta che, insieme con Beppe Grillo, fa irruzione sul palco dell’Ariston? Considerati i precedenti dei due, se decideranno di passare alle proteste plateali, quella del 2014 sarà un’edizione di Sanremo tutta da non perdere…

    925

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàFabio FazioFestival di Sanremo 2014Rai Ultimo aggiornamento: Giovedì 02/06/2016 07:50
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI