Festival di Sanremo 2014: Marco Mengoni canta Sergio Endrigo [FOTO + VIDEO]

Festival di Sanremo 2014: Marco Mengoni canta Sergio Endrigo [FOTO + VIDEO]

Festival di Sanremo 2014: Marco Mengoni canta Sergio Endrigo, Io che amo solo te

    Festival di Sanremo 2014, Marco Mengoni – accolto da un caloroso applauso – apre la quarta serata del Festival cantando ‘Io che amo solo te‘ di Sergio Endrigo: nonostante sia la serata del Sanremo Club, insomma, niente omaggio, a Luigi Tenco, di cui si vociferava il vincitore del Festival di Sanremo 2013 dovesse cantare Ciao amore ciao, già eseguita durante il Festival dell’anno scorso e che rappresenta il testamento musicale di Tenco, visto che il cantautore la eseguì sul palco dell’Ariston nel 1967, poche ore prima di suicidarsi con un colpo di pistola alla tempia.

    Paganini non ripete e neanche Marco Mengoni: l’anno scorso il cantante aveva optato per questo brano – scrivevamo – ben consapevole del paragone a dir poco scomodo, e del bagaglio socio-culturale ad esso collegato, quest’anno invece, quale inaugurazione della serata di venerdì, l’artista sceglie ‘Io che amo solo te‘ di Sergio Endrigo, definita dal cantante “un testamento all’amore“. Non manca comunque un ‘saluto’ a Tenco, e in particolare alla famiglia, che l’anno scorso si era complimentata con lui.

    La serata omaggio alla canzone d’autore del festival di Sanremo si è comunque aperta con una delle più belle canzoni italiane della storia, mentre fuori dall’Ariston Luciana Littizzetto prendeva un aperitivo con un partner misterioso, con in testa un casco da moto in stile Daft Punk (e che poi si è scoperto essere il maestro Beppe Vessicchio).

    Dopo l’esibizione – e forse per esorcizzare le sfighe di Sanremo 2014 – Fazio ricorda a Mengoni il successo de L’Essenziale, canzone vincitrice dell’anno scorso che è rimasta in vetta alle classifiche delle vendite per settimane, vanta tour soldout e svariati premi – Best European Act agli MTV Europe Music Awards – oltre a incisioni e performance anche all’estero.

    Grazie per l’incredibile anno che mi avete regalato“, il saluto di Marco.

    417

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI