Festival di Sanremo 2014, il live della seconda serata: canzoni e ospiti [FOTO+VIDEO]

Il racconto della seconda serata del Festival di Sanremo 2014 con ospiti e canzoni nel live di Televisionando

da , il

    Sanremo 2014 omaggia la storia della tv

    Manca poco alla messa in onda della seconda puntata del Festival di Sanremo 2014 condotto da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto. Immancabile anche questa sera il live di Televisionando con la cronaca dello spettacolo minuto per minuto, commenti e curiosità su ospiti ed esibizioni canore senza rinunciare ad una vasta galleria di foto e video. Dopo gli imprevisti del debutto si entra nel vivo della gara con un programma fitto di musica ed intrattenimento: buona visione!

    Si scaldano i motori con l’anteprima curata da Pif in onda alle 20,30 e seguita dalla seconda puntata del Sessantaquattresimo Festival della Canzone Italiana. Stasera si consumerà ancora la sfida al televoto tra i due pezzi presentati da ognuno degli altri 7 big della kermesse che appariranno in quest’ordine sul palco dell’Ariston: Francesco Renga, Giuliano Palma, Noemi, Renzo Rubino, Ron, Riccardo Sinigallia, Francesco Sarcina. Altrettanti saranno i ‘premiatori’ scelti tra vari ambiti: le gemelle Kessler, Armin Zöggeler, Cristina Collu, Kasia Smutniak, Gian Antonio Stella, Veronica Angeloni e Clemente Russo.

    Largo anche alle Giovani Proposte con le esibizioni di quattro degli otto partecipanti: Diodato, Filippo Graziani, Bianca, Zibba. Naturalmente ci sarà spazio per grandi ospiti musicali come Claudio Baglioni e Rufus Wainwright così come per personaggi dello spettacolo quali l’intramontabile Franca Valeri e Claudio Santamaria, protagonista nei panni del Maestro Manzi nella fiction di RaiUno, Non è mai troppo tardi.

    Ore 00.46: Rieccoci per scoprire chi passa alla fase successiva: Diodato con Babilonia e Zibba con Senza di te. Bianca e Graziani restano a bocca asciutta, ma torneranno sabato per farsi sentire. Appuntamento a domani con le 14 esibizioni dei big.

    Fazio in vestaglia

    00.38: Si è fatta una certa e Fazio si presenta in vestaglia. Inevitabile video promozionale per la città di Sanremo. Ancora pubblicità per le Giovani Proposte in preda all’ansia per il verdetto.

    Zibba

    Ore 00.33: Si chiude con Zibba, con la direzione di Andrea Mirò, sulle note del brano Senza di te. Piacevole e scritto bene il brano, Zibba mostra la lunga gavetta sul palco.

    Bianca

    Ore 00.27: Tocca a Bianca con il pezzo Saprai. Una bella voce per un pezzo tipicamente sanremese ad un primo ascolto.

    Filippo Graziani

    Ore 00.22: E’ il turno di Filippo Graziani, figlio del compianto Ivan. Torna Vessicchio per un nuovo siparietto con la Littizzetto ed il figlio d’arte si esibisce sulle note di un pezzo molto ritmato. Le cose belle. Nessuna emulazione del padre, ma un’innegabile somiglianza nel timbro.

    Diodato

    Ore 00.17: Il primo ad esibirsi è il pugliese Diodato con Babilonia, scritta da lui. Trionfo di falsetto e acuti in un pezzo discreto.

    Ore 00.15: Finalmente arrivano i primi quattro giovani in gara: i due più votati nelle due serate – oggi e domani – passano alla fase successiva.

    Ore 00.12: Impossibile pensare ad un mondo senza i Beatles secondo Fazio e anche senza la pubblicità che torna implacabile.

    Ore 00.04: Grazie a Fazio sappiamo che il cantante è appassionato di Verdi e si lancia nell’analisi del suo pezzo: siamo un po’ di bene e di male insieme. Al cantante non piace giudicare ed è sempre se stesso anche dopo il coming out sulla sua omosessualità: i Papa Boys saranno contenti. Giusto il tempo di parlare di diritti e si canta ancora, stavolta tocca all’intramontabile Across universe con la direzione orchestrale di Mauro Pagani.

    Rufus Wainright

    Ore 23.58: Finalmente arriva Rufus Wainwright con la sua splendida Cigarettes and chocolate milk.

    Ore 23.51: Passa Nel tuo sorriso e Lucianina ne approfitta per fare la differenza tra il peso massimo Russo e il peso morto Fazio. Con la proclamazione tipica del pugilato si lancia la pubblicità, il TG e poi Wainwright.

    Ore 23.49: Ultimo premiatore della serata è Clemente Russo – Tatanka. La palestra nei programmi Mediaset ha dato i suoi frutti: il pugile è lo sportivo più spigliato passato dal teatro Ariston.

    Ore 23.44: Parte il televoto e Sarcina si appresta a cantare In questa città. Più rock ed energia in questo pezzo, ma l’impressione è che all’Ariston il melodico la faccia da padrone.

    Francesco Sarcina

    Ore 23.38: Finalmente tocca all’ultimo big Francesco Sarcina: i giovani in gara possono risvegliarsi dal loro torpore. Mentre Lucianina importuna ancora Vessicchio, l’ex Vibrazioni esegue Nel tuo sorriso. Inconfondibile lo stile del cantante, ma la canzone sarà ricordata e votata, soprattutto?

    Veronica Angeloni

    Ore 23.33: La premiatrice è Veronica Angeloni, impacciata sulla scala. La pallavolista, ‘montata all’Ikea’, è provocantissima in rosso. Fazio ci vuole del male quando chiede in quanti si gioca a pallavolo. Il pezzo che passa è Prima di andare via. La Angeloni lancia la pubblicità.

    Ore 23.29: E’ il momento del secondo brano, Una rigenerazione. Almeno finora distinguere le due canzoni non è poi così facile. Forse, però, quest’ultimo pezzo resta il più orecchiabile.

    Riccardo Sinigallia

    Ore 23.23: Penultimo cantante in gara dopo la pubblicità è l’ex Tiromancino, Riccardo Sinigallia. Si comincia con Prima di andare via. Lo stile di questo pezzo ricorda quanto fatto dal gruppo capeggiato da Federico Zampaglione: inevitabile per il talentuoso romano autore de La descrizione di un attimo.

    Ore 23:10: Momento nostalgia per Baglioni, ragazzo di borgata e lo spunto di riflessione arriva: ‘Sanremo è una buona occasione per mettere al centro la musica, del resto si parla durante tutto l’anno’. E dopo aver indossato il caschetto con Fazio arriva il momento di cantare Con voi.

    Ore 23.05: Baglioni parla della sua difficoltà a tornare al Festival ed encomia il ‘non tanto povero Fazio’. Il conduttore torna alla carica con la bellezza, costruita da Baglioni durante la sua carriera.

    Ore 23.01: Immancabile Mille giorni di te e di me: quanti lacrimoni solcheranno il volto degli Over 40? Ed è subito standing ovation.

    Ore 22.53: Il medley continua con l’evergreen E tu, passando per Strada facendo e Avrai.

    Claudio Baglioni

    Ore 22.49: Finita la pubblicità arriva il momento di Claudio Baglioni, assente dal Festival dal 1984 per il premio alla ‘canzone del secolo’ (addirittura!?), Piccolo grande amore. Condotto per mano dal conduttore Baglioni si gode gli applausi e canta il suo grande successo al piano.

    Ore 22.41: Stella ci elenca casi clamorosi di degrado dei nostri beni culturali. La tristezza aumenta al pensiero del ruolo ininfluente del turismo nella nostra economia.

    Gian Antonio Stella

    Ore 22.37: A televoto chiuso Ron ammette che il primo pezzo lo rappresenta di più, intanto a ‘premiare’ il pezzo arriva il giornalista del Corriere della sera, Gianantonio Stella. Luciana Littizzetto scherza: ‘Sei ancora indignato con noi perché abbiamo invitato la Casta?’. Su domanda di Fazio Stella parla di bello e brutto tra mafia e degrado. Vince Sing in the rain: evviva!

    Ore 22.34: La seconda canzone è Sing in the rain: allegra, moderna e vicina più allo stile del grande Lucio Dalla, amico e collega di Ron. Incrociamo le dita per il televoto.

    Ron

    Ore 22.29: Ritorno all’Ariston per Ron, presentato con grandi elogi da Fazio. Il primo brano è Un abbraccio unico e il retrogusto è un po’ antico tra coretti e acuti ma il pubblico gradisce.

    Ore 22.21: Franca Valeri ha visto tutte le edizioni del Festival ma questo è il primo a cui partecipa. La sua canzone del cuore è Grazie dei fiori. Saluto e standing ovation per la grande attrice a teatro con una commedia da luglio.

    Franca Valeri e Luciana Littizzetto

    Ore 22.14: E’ il momento della mitica Franca Valeri, modello inarrivabile di tante attrici comiche a partire dalla sua grande fan Luciana Littizzetto. Nonostante gli acciacchi dell’età, il brio è sempre lo stesso e delizia il pubblico con un monologo al telefono. Tocca a Lucianina dividere il palco con la Valeri: il numero del telefono è riproposto naturalmente alla maniera della Littizzetto.

    Kasia Smutniak premiatrice

    Ore 22.08: Per premiare arriva Kasia Smutniak – ‘Che cosce Kasia’, esclama la Littizzetto – e Fazio non dimentica di ricordare il film in uscita dell’attrice polacca – Allacciate le cinture di Ozpetek – che ricorda con affetto i Sanremo di Al Bano e Romina. La canzone finalista è Ora e Rubino sembra un po’ deluso. Saluti, auguri e fiori per Kasia, bellissima da fare invidia, naturalmente.

    Ore 22.04: Il secondo brano è Per sempre e poi basta: l’atmosfera è più solenne e austera e le tonalità basse del brano rendono faticoso l’ascolto. Il barocco musicale è tornato ma il pubblico in sala sembra gradire particolarmente: sarà l’aria che si respira all’Ariston.

    Renzo Rubino Ora

    Ore 21.59: Salutato dalla sua Amami uomo, premio della critica tra le Giovani Proposte di Sanremo 2013, intonata dalla Littizzetto, arriva sul palco Renzo Rubino. Al pianoforte canta Ora: più ritmo e meno manierismo rispetto all’esordio dello scorso anno, Rubino ci sa fare.

    Cristiana Collu

    Ore 21.53: La premiatrice è Cristiana Collu, direttrice del Mart di Rovereto ed enfant prodige del mondo dei beni culturali in Italia. La dottoressa dà la sua definizione di bellezza con qualche imbarazzo: ‘La bellezza è un non so che, è un quasi nulla’. Tra i due brani di Noemi la spunta Bagnati dal sole e Fazio riflette con la Collu sulla sottovalutazione del nostro patrimonio: ‘Crederci e, dovunque si è, bisogna sentirsi al centro del mondo’.

    Noemi

    Ore 21.45: Arriva Noemi, sofisticata, stilosa e ‘fighissima’ per dirla con Luciana e fa una bella esibizione con Un uomo è un albero. Scommettiamo che domani tutti commenteranno il suo look, intanto tocca al secondo brano Bagnati dal sole. Quest’ultimo sembra più orecchiabile e la rossa cantante invita anche ad alzare le mani: preferirà mica questo? E’ il pubblico a decidere.

    Duetto Fazio e Littizzetto

    Ore 21.41: Duetto a suon di battute per parlare di bellezza tra Luciana Littizzetto e Fazio: ‘Bello è quando un politico dice la verità anche se perde i voti’. La contaminazione da Saviano e Vieni via con me è ormai un cavallo di battaglia.

    Zoeggeler

    Ore 21.34: Littiy rompe il ghiaccio con una battuta – Ma in quanto palma hai parua del punterolo rosso – e arriva Armin Zöggeler, bronzo a Sochi nello slittino. L’impostatissimo atleta proclama la vittoria di Così lontano: menomale! Fazio ammorba Armin Zöggeler con le sue domande finto-tecniche, Lucianina sbircia con curiosità e fa le sue battute: ‘Usi le natiche come joystick? A me dicono che guido con il cu**’. Saluti e pubblicità.

    Ore 21.30: Il secondo brano è Un bacio crudele, ritmato e allegro tanto da immaginarlo già lanciatissimo dalle radio. Palma, occhiali neri e balletti a parte, sarà mica intimorito dal palco dell’Ariston?

    Giuliano Palma

    Ore 21.25: Si torna in studio per presentare Giuliano Palma, esordiente a Sanremo ma non ai concerti del Primo Maggio. Poche parole – i siparietti Lucianina – Vessicchio continuano – ed il cantante parte con Così lontano. Il sound è sempre lo stesso e lo zampino di Nina Zilli è evidente.

    Kessler premiatrici

    Ore 21.17: Premiatrici d’eccezione, tornano Alice ed Ellen Kessler. Fazio si interessa alle passate ambizioni delle due gemelle, donne dello spettacolo per caso dopo essere fuggite dalla Germania dell’Est. Passa Vivendo adesso e le due arzillissime antesignane delle showgirl vengono congedate con dei fiori. Pubblicità.

    Ore 21.12: Tocca al pezzo scritto da Elisa, Vivendo adesso, la partenza in tonalità bassa non valorizza i punti forti del cantante, che sembra particolarmente emozionato.

    Francesco Renga

    Ore 21.06: Dopo aver ricordato la volontà di lasciare a Sanremo la sua aura popolare – incidenti e polemiche a parte – comincia finalmente la gara con Francesco Renga preso per le sue ‘mani maschie’ da Lucianina: A un isolato da te è il primo pezzo. Renga va sul sicuro: pezzo ‘sanremese’ con melodia e i suoi irresistibili acuti.

    Kessler

    Ore 21.02: E dopo la presetazione della fiction tocca all’ennesimo momento vintage-celebrativo con le mitiche gemelle Kessler. Ad accoglierle arriva naturalmente Lucianina: ‘Guarda che due tronchi di pino di Sassonia!’.

    Ore 20.54: Si parte con i titoli di testa con immagini di repertorio di Non è mai troppo tardi del Maestro Manzi. Fazio alla lavagna esegue come un allievo diligente. Manzi ha insegnato a guardare il mondo e a cercare la bellezza. A leggere la sua lettera rivolta agli allievi di quinta arriva Claudio Santamaria.

    Fabio Fazio Manzi