Festival di Sanremo 2014, il live della conferenza stampa del 20 febbraio 2014

Festival di Sanremo 2014, il live della conferenza stampa del 20 febbraio 2014

Festival di Sanremo 2014, il live della conferenza stampa del 20 febbraio 2014

    Conferenza stampa live terza serata_01

    Il Festival di Sanremo 2014, nella seconda serata, crolla come non mai dal 2008 a oggi per quanto riguarda gli ascolti: fa male la partita di Champions Milan – Atletico Madrid, ma il disinteresse è tanto anche in chi lo guarda, se è vero che crollano le interazioni Twitter. Ma ecco le dichiarazioni di Fabio Fazio, Luciana Littizzetto e Giancarlo Leone nel corso della terza conferenza stampa del Festival di Sanremo relativa alla terza puntata – che affronterà tra gli altri la partita Swansea – Napoli.

    La seconda serata del Festival di Sanremo 2014 è stata vista da 8.926.000 spettatori (33,52% di share) nella prima parte, 3.784.000 spettatori con il 37,59% di share nella seconda parte, per una media ponderata di 7.711.000 spettatori con il 33,95% di share contro gli 11.330.000 e il 42,89% di share dello scorso anno.

    Un calo per colpa della partita Milan – Atletico Madrid? L’incontro di Champions, trasmesso in chiaro su Canale 5, ha registrato 5 milioni 550mila spettatori, con share del 18,22%, ma anche chi ha visto il Festival, ha interagito poco: la seconda puntata ha ricevuto 194.498 tweet inviati da 42.212 utenti unici, questo il dato diffuso da Audisocial Tv l’osservatorio permanente di Reputation Manager che misura le performance dei programmi televisivi sul web e che ha monitorato l’andamento degli hashtag su Twitter e dell’interazione sulla Fan Page ufficiale del Festival di Sanremo su facebook.

    Ma passiamo alla conferenza stampa minuto per minuto (o quasi).

    13.30: E finisce la conferenza stampa.

    13.28: Diva e Donna parla di musica (ALLELUJA!). Perché i giovani dopo mezzanotte? “Qualcuno dopo mezzanotte deve andare, il mio auspicio è che non ci sia più la separazione tra big e giovani, mi piacerebbe se si esibissero tutti insieme“, risponde Fazio.

    13.27: Ancora domande sugli ascolti (ma di musica non si parla mai?) “La mia spiegazione per il balzo di ieri, guardando le curve, è che quando è finita la partita gli spettatori sono tornati da noi, e che quindi il calo è dovuto alla partita“.

    13.22: Domanda sull’Eurofestival: ci va Emma Marrone, per la prossima edizione “aspettiamo la fine del Festival, ma non lo decido io o lo direi“, dice Fazio.

    13.21: “Se Sanremo va sotto il 35% la Rai non deve ripagare gli inserzionisti

    13.18: Leone mette i puntini sulle i per quanto riguarda gli operai: “Troverei gravissimo se il soggiorno degli operai fosse stato pagato dalla Rai: non è nostro compito indagare su chi ha pagato, il nostro compito è non dargli spazio e non pagarli l’albergo. La notizia è falsa e infondata, avendo io dato fin da quella stessa sera – conoscendo l’impulso giornalistico di taluni nostri programmi di approfondimento – indicazioni tassative di non prevedere in alcun modo l’ospitalità dei quattro nei nostri programmi, chiarendo anche che ai dimostranti non andava offerto neanche un cornetto“.

    Conferenza stampa live terza serata_Leone

    13.16: Fazio sbotta alla domanda di un possibile Fazio-ter per Sanremo 2015, non per la domanda in sé, ma per l’uso del termine buonista: “Io non sono più disponibile a sentire la parola buonista, mi ha rotto le palle in modo pazzesco, questa è l’unica cosa di cui sono certo. E sono stato gentile“. E poi risponde: “Fammi prima arrivare a sabato e poi vediamo“.

    Conferenza stampa live terza serata

    13.12: Leone anticipa che Arbore potrebbe fare una sorpresa durante la partita col Napoli – sorpresa che farà impazzire i napoletani. La sua esibizione sarà in blocco unico. Fazio, a proposito della pubblicità che interrompe lo spettacolo, dice che sarebbe felicissimo “se la Rai spendesse 30 milioni senza fare pubblicità

    Conferenza stampa live terza serata Fazio Leone

    13.11: Leone non vede contraccolpi per i dati di ascolto, “Sono comunque buoni: le comparazioni con gli anni precedenti sono in termini negativi, ma per noi va bene“. Fazio, “per motivi scaramantici“, il computo lo farebbe alla fine. “Per quanto riguarda gli spazi pubblicitari, con un ambito di tolleranza tra i 6 e i 10 milioni, non sono previsti né sconti né premi, sia che il festival produca ascolti superiori o inferiori. Vedremo l’anno prossimo come reagirà il mercato pubblicitario. Si tratta comunque di ascolti importanti“.

    13.08: 5 milioni di pagine viste per il Festival, il traffico sui portali Rai è di 11 milioni 600 mila pagine viste, un record per la Rai.

    13.07: Gli ascolti della seconda serata di Sanremo sono molto ‘rosa’, nel senso di femminili.

    13.06: Ancora Littizzetto: “Stasera ci sono due cose carine che spero di far bene. Domani ce ne sarà un’altra che è un segreto. Poi arriveranno i miei colleghi, Brignano, Crozza…

    13.03: “Tutte le volte che si fa una trasmissione c’è una partita, siamo abituati, anche con Che tempo che fa“, dice Littizzetto, che se fosse stata tifosa del Milan, avrebbe visto anche lei la partita.

    12.58: “Nulla in contrario ad una riforma del voto aperta anche ai non giornalisti, ma deve pensarci Leone“, dice Fazio. “Le canzoni in gara hanno un certo mood dentro, abbiamo scelto e trovato questa linea melodica dell’intimismo. I Giovani sono forti e sono belle canzoni, tutti hanno fatto un grande lavoro“.

    12.50: “Nostalgia della tv intelligente“, dice Littizzetto a proposito dell’arrivo delle Kessler e della Valeri, “per cui mi sono molto emozionata“. Si scusa per la battuta sul contrabbando se ha offeso qualcuno – “ma oggi tutti si offendono, se Dante avesse scritto la Divina Commedia oggi avrebbe avuto bisogno di uno stuolo di avvocati. Mi scuso con Napoli e i suoi cittadini, era solo una battuta da comica. Ai comici spesso si chiedono battute… Ma in politica si dicono delle cose peggiori e ci si scandalizza di meno rispetto alle mie battute da comica. Non volevo assolutamente offendere i napoletani o la città di Napoli, in cui mi trovo sempre bene“.

    Conferenza stampa live terza serata_Litti

    12.46: Domanda sullo show opposto al cast giovane. “La scelta del cast fu definita azzardata“, replica Fazio. “Luciana e Franca Valeri e Luciana con le Kessler è l’unione di due tempi“. Leone annuncia che non ci sono contraccolpi nella campagna pubblicitaria, nonostante i bassi ascolti.

    12.43: Per Fazio, la protesta degli operaiha cambiato l’umore, ma il giovedì si riparte sempre da zero. Stasera avremo una classifica e la daremo in chiusura“, che spera sia a mezzanotte e mezzo.

    12.39: La serata si aprirà con l’omaggio a Claudio Abbado.

    12.37: Questo è l’ordine dei cantanti che si esibiranno stasera Rubino, Ferreri, Frankie, De Andrè, Gualazzi, Sarcina, Perturbazione, Renga, Sinigallia, Noemi, Ruggiero, Arisa, Ron e Palma”.

    12.30 Fazio spiega che “di punti ne abbiamo persi 12, ma appena la partita finisce, Sanremo è tornato al 45%“. Rvendica la sua seconda condizione consecutiva e lo spettacolo: “Rivendico il rischio di presentarsi qui, per il secondo anno, con la stessa coppia, meno sorprendente, rivendico le scelte fatte di cui sono molto orgoglioso: le
    canzoni in gara sono contemporanee, non abbiamo ceduto a cast popolare, di persone straconosciute, e il pop lo abbiamo messo in questo racconto frammentario sui 60 anni della televisione. E’ chiaro che c’è un effetto nostalgia, parola alla quale voglio molto bene
    “. Conclude dicendo che “stasera faremo un ascolto più alto. E comunque la somma dell’ascolto fa Sanremo + partita: è un dato di cinica matematica ma è quello, anche se qualcuno potrebbe sempre dire che è stata scelta la partita (share del 18,22% e 5 milioni e 550mila spettatori, ndr) e non il Festival. Immodestamente non
    credo di giocarmi la carriera su qualche punto di share della
    seconda serata di Sanremo
    “.

    12.21: Giancarlo Leone spiega che gli ascolti sono in calo, ma va tenuto conto del contesto: “Il quadro competitivo di ieri era ben diverso da quello della seconda serata dell’anno scorso. La Champions League ha visto in campo una squadra italiana, il Milan, che su Canale 5 ha realizzato 5,5 milioni di spettatori con il 18.22%, mentre l’anno scorso Real Madrid-Manchester United fece segnare su Italia 1 l’8.8%. Rai2 (con il film Vulcano, ndr) ha realizzato ieri il 4.73% con 1 milione 379 mila spettatori, mentre l’anno scorso le tribune elettorali si erano fermate al 2.2%. Dunque quest’anno le altre offerte hanno raccolto 12% in più rispetto al 2013

    1677

     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE