Festival di Sanremo 2012: Eugenio Finardi sul palco con E tu lo chiami Dio

Festival di Sanremo 2012: Eugenio Finardi sul palco con E tu lo chiami Dio

Eugenio Finardi sarà in gara tra i Big del Festival di Sanremo 2012 con la canzone E tu lo chiami Dio

da in Festival di Sanremo 2012, Festival di Sanremo 2013, Eugenio Finardi
Ultimo aggiornamento:

    eugenio finardi sanremo

    È ufficiale: Eugenio Finardi parteciperà al prossimo Festival di Sanremo 2012. Il cantautore milanese salirà sul palco del Teatro Ariston con E tu lo chiami Dio, una canzone molto spirituale che parla di un Dio condiviso. Il cantante, fresco di un Ambrogino d’ oro, ne ha parlato in un’intervista rilasciata a La Repubblica.

    Sarà pure un’incredibilità casualità, come l’ha definita nell’intervista a La Repubblica, ma la partecipazione di Eugenio Finardi al Festival di Sanremo 2012, di cui si parlava da tempo, a questo punto è ufficiale. E così, nonostante il forfait di Roberto Vecchioni, che non ha alcuna intenzione di ripetere l’esperienza sanremese dopo la vittoria nel 2011, anche l’anno prossimo Gianni Morandi avrà un grande cantautore milanese sul palco dell’Ariston.

    È stato proprio il conduttore, che avrà nella sua squadra Rocco Papaleo, ad invitare Finardi dopo aver ascoltato la sua canzone: Il pezzo lo abbiamo proposto ad alcuni interpreti, e tra questi – ha rivelato Finardi – a Gianni Morandi che mi ha telefonato dicendo: è bellissima, ma perché non lo fai te?.

    Il brano E tu lo chiami Dio, scritto con Roberta Di Lorenzo e prodotto dal chitarrista dei Subsonica Max Casacci, è un pezzo molto serio sulla libertà e sulla tolleranza, sul sacro che non va bandito come un’arma ma condiviso, sul fatto che la spiritualità e di tutti, è dell’uomo, anche dei non credenti ha spiegato il cantante.

    Nel corso dell’intervista Finardi ha confessato anche di voler duettare con Brian Ferry nella serata del giovedì dedicata ai duetti con gli ospiti internazionali: è venuto fuori che è un appassionato di canzoni napoletane. Mi ha detto: vengo se facciamo ‘O sole mio’ o ‘Torna a Surriento’. A me non sembrava vero, ho sempre sognato di cantare una canzone napoletana.
    Un milanese e un inglese che cantano in napoletano: una combinazione a dir poco inedita.

    372

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Festival di Sanremo 2012Festival di Sanremo 2013Eugenio Finardi