Falsa lite con la fotografa Leibovitz, la regina Elisabetta querela la Bbc

Elisabetta II sarebbe infuriata per la storia del falso trailer del documentario A Year With The Queen

da , il

    Altro che scuse. Dopo la multa per lo scandalo dei quiz truffa, gli avvocati della BBC potrebbero avere una grana un po’ più grossa da risolvere: pare infatti che Elisabetta II, infuriata per la storia del falso trailer del documentario “Un anno con la Regina”, abbia dato mandato ai suoi legali di querelare la BBC.

    Secondo quello che è poi risultato essere un clamoroso falso, la Regina Elisabetta si sarebbe arrabbiata con la fotografa americana Annie Leibovitz, rea di averle chiesto un abbigliamento un po’ più trendy. Una scena talmente fuori dal comune per l’aplomb britannico di Elisabetta, da spingere i vertici della BBC a metterla addirittura nel trailer. Peccato che le scene fossero state ‘tagliate’ e montate al contrario, falsando la veridicità del documentario, motivo per cui la BBC (dopo essersi scusata) ha annunciato (l’ennesima) indagine interna (verrà coordinata da Will Wyatt, un ex dirigente), e, pare, abbia addirittura deciso di cancellare la messa in onda del programma. Come ha spiegato l’avvocato Mark Stephens della Finers Stephens Innocent “La regina ha accettato di apparire in un documentario a patto che gli standard editoriali fossero ottimali. Gli standard editoriali prevedono che una trasmissione non venga falsata, ritraendo una persona in una luce distorta. Se questo accade, la BBC ha mancato ai patti del contratto. Avendo la BBC ‘falsato’ le immagini, ha diffamato la regina, e ci sono tutti i presupposti per agire per violazione del contratto e diffamazione”. La stessa Elisabetta II, dopo la messa in onda del trailer, aveva dichiarato di non avere più alcuna fiducia nella verosimiglianza del serial che la ritrae come protagonista: un’opinione condivisa anche dagli inglesi, il 59% dei quali afferma “fidarsi dell’emittente meno che in passato”. Per ora, nessun commento da Auntie Beeb: “Non riteniamo appropriato commentare questi fatti prima che vengano resi pubblici i risultati dell’inchiesta”; ha detto un portavoce dell’emittente britannica.